Menu

Quarta Salvaguardia (Esodati)

Il dizionario di Pensioni Oggi
 
Cos'è: Il termine identifica i 9 mila lavoratori esodati destinatari della salvaguardia approvata nell'estate del 2013 con il Decreto Legge 102/2013.

Nell'estate del 2013 il legislatore ha approvato una nuova procedura di salvaguardia destinata a tutelare quei lavoratori rimasti esclusi dalle precedenti operazioni. Si tratta in particolare di un beneficio offerto in favore dei soggetti che hanno risolto unilateralmente il rapporto di lavoro (cioè soggetti licenziati dal datore o che hanno rassegnato le dimissioni) i quali, nelle precedenti tre salvaguardie, non avevano trovato tutela.

La norma si è concretizzata negli articoli 11 e 11-bis del Dl 102/2013 convertito con legge numero 124/2013. La norma citata ha consentito il mantenimento delle previgenti regole di pensionamento e di decorrenza in favore di due categorie di soggetti: 

- 2.500  lavoratori che, nel corso dell'anno 2011, risultano essere in congedo ai sensi dell'articolo 42, comma 5, del decreto legislativo n. 151 del 2001 e successive modificazioni, o aver fruito di permessi ai sensi dell'articolo 33, comma 3, della legge n. 104 del 1992, e successive modificazioni che perfezionino i  requisiti anagrafici e contributivi utili a comportare la  decorrenza del trattamento pensionistico, secondo la disciplina vigente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, entro il trentaseiesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del medesimo decreto (06.01.2015); 

- 6.500 lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto tra il 1° gennaio 2009 ed il  31  dicembre 2011, in ragione della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro a condizione che: 1) non abbiano conseguito successivamente alla data di cessazione di un reddito annuo lordo complessivo riferito a qualsiasi attività,  non  riconducibile  a  rapporto  di lavoro dipendente a tempo indeterminato, superiore a euro 7.500; 2) perfezionino i requisiti utili a comportare la decorrenza del trattamento pensionistico entro il trentaseiesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto-legge n. 201 del 2011 (06.01.2015).

Con successivi provvedimenti è stato precisato che i lavoratori in questione devono presentare istanza di accesso al beneficio della salvaguardia presso la Direzione territoriale del lavoro competente entro il 26 febbraio 2014 (circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 44 del 12 novembre 2013). Per quanto riguarda poi i lavoratori sub a) ("in congedo") il trattamento pensionistico non potrà avere decorrenza anteriore al 1° Gennaio 2014; per i lavoratori sub b) ("risoluzione unilaterale del rapporto") il trattamento pensionistico non potrà avere decorrenza anteriore al 31 agosto 2013 (messaggio Inps 522 del 10 Gennaio 2014).

quarta salvaguardia - PensioniOggi

Per verificare i requisiti di decorrenza ai fini dell'inclusione nel contingente in questione Pensioni Oggi ha realizzato un apposito programma disponibile qui.

Torna in alto

Articoli Correlati

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici