Menu

Naspi, Stop alla disoccupazione se viene raggiunto un diritto a pensioneIn evidenza

Buongiorno Sono titolare di indennità di accompagnamento, ho fatto domanda naspi tramite caf. a marzo L'inps rifiuta la domanda perchè risulto titolare di pensione dandomi l'opzione di fare ricorso entro 90 gg. questo mi comporta un ulteriore attesa di 120 gg circa per una risposta. Mi sono rivolto ancora al caf. non ha fatto ricorso, ha scritto qualcosa a riguardo ma non ho ancora avuto risposte. Sono stato all'inps e neanche mi guardano in faccia mi dicono di fare ricorso. Il dubbio è la mia posizione è regolare per avere la naspi? Cordialmente Antonio

 La naspi non può essere concessa al raggiungimento dei requisiti pensionistici necessari per il conseguimento della pensione di vecchiaia o della pensione anticipata. Il lettore dovrebbe dunque verificare se ha acquisito, allo stato attuale, un diritto a pensione (ad esempio ha raggiunto i 66 anni e 7 mesi di età e 20 di contributi oppure ha maturato i requisiti contributivi per la pensione anticipata) o se risulta titolare di pensione di vecchiaia o anticipata. In caso contrario non si ravvedono particolari ragioni per rigettare l'istanza di accesso alla Naspi in quanto la percezione di una indennità di accompagnamento non è causa, di per sé, idonea ad escludere il diritto alla Naspi. 

Gentili Signori, dal 1980 sono un autoferrotranviere, durante la permanenza al fondo speciale autoferrotranvieri ho riscattato, in modo oneroso, 3 anni e 9 mesi, nel 2007 ho fatto domanda all'inps di ricongiungimento figurativo del servizio militare, La domanda è stata accettata e mi risulta dall'estratto conto. Adesso dovendo fare i conti con la data del pensionamento un dipendente inps sostiene che il servizio militare non mi viene riconosciuto in quanto avrei dovuto fare domanda prima del 1996, anno in cui detto fondo è stato dirottato all'inps. Vi chiedo : è proprio così? Grazie. Purtroppo sì, la valutazione del servizio militare nel soppresso fondo autoferrotranvieri doveva essere effettuata prima della sua soppressione ad opera del Dlgs 414/1996 tramite una ricongiunzione in uscita dal FPLD. Allo stato attuale il lettore non può, quindi, valorizzarla per la liquidazione della pensione a carico del soppresso Fondo. Tale contribuzione darà luogo ad una riliquidazione del trattamento al perfezionamento dell'età di 66 anni e 7 mesi. Qualora il lettore voglia utilizzare tale contribuzione non avrebbe alternativa che rinunciare alla liquidazione del trattamento pensionistico secondo le norme previste dal soppresso Fondo e chiedere la liquidazione della pensione interamente secondo il sistema vigente nell'assicurazione comune. Tale passaggio potrebbe però determinare un decremento della misura dell'assegno dato che le regole vigenti nel soppresso fondo erano più favorevoli rispetto al sistema vigente nell'AGO. Dunque salvo rare eccezioni l'operazione avrebbe un costo da tenere in considerazione. 

Quale architetto libero professionista, sono stato iscritto nei ruoli previdenziali della Cassa ingegneri e architetti, Inarcassa, dal 24.06.1976 al 05.05.1985. Dal maggio 1985 sono stato assunto a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione e quindi iscritto nei ruoli previdenziali dell’INPDAP. A quella data, non essendo prevista la facoltà di ricongiungere i periodi previdenziali, ho chiesto ed ottenuto nel 1986 la restituzione dei contributi versati e dei relativi interessi per il periodo di iscrizione Inarcassa. Solo con la legge n.45/1990 è stato poi possibile ricongiungere i periodi di iscrizione alla cassa professionisti con i periodi previdenziali Inpdap, ma restava escluso chi, come me, aveva ottenuto la restituzione dei contributi versati. Gradirei sapere se, alla luce delle nuove disposizioni di cui alla legge n.228/2012, art.1 comma 229, e sm.i., sia possibile nel mio caso l’applicazione del cumulo dei periodi assicurativi solo per il conteggio dell’anzianità lavorativa. Il cumulo dei periodi assicurativi consente di utilizzare sia ai fini del diritto che della misura della pensione la contribuzione versata nei fondi della previdenza pubblica obbligatoria e quelli presso le casse professionali. Nel caso di specie avendo richiesto, in forza di una specifica previsione dell'epoca, la restituzione della contribuzione versata presso il Fondo Inarcassa non si comprende più in cosa possa consistere il cumulo posto che la gestione dovrebbe risultare priva di contribuzione. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Buonasera, il 20 luglio del 2018 compirò 63 anni ed avrò 40 anni circa di contributi riconosciuti dall'AGO. Sono disoccupato da 1 anno e finirò di percepire l'indennità NASPI nel Gennaio 2018. Volevo sapere se maturerò i requisiti per richiedere l'APE Agevolato il 20 luglio del 2018 (3 anni e 7 mesi prima dell'età per la pensione di vecchiaia considerata 66 anni e 7 mesi) oppure il 20 dicembre 2018 (3 anni e 7 mesi prima dell'età per la pensione di vecchiaia considerata a 67 anni secondo le previsioni della Legge Fornero con adeguamento alla speranza di vita per l'anno 2022)?
Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici