Menu

Buono Nido, Al via le domande per il bonus da mille euro

I genitori che hanno iscritto i bimbi all'asilo già nell'anno scolastico 2016/2017 riceveranno l'importo con gli arretrati a partire dal 1° gennaio 2017. Sulla misura pesa però un vincolo annuo di risorse. 

Da domani 17 Luglio i genitori potranno presentare le domande per fruire del buono nido. La misura prevista dall'art. 1, co 355 della legge 232/2016 (legge di bilancio 2017), consiste in un buono di mille euro su base annua, erogato direttamente al genitore richiedente con cadenza mensile per undici mensilità (cioè 90,91€ al mese), per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati di ciascun bimbo nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in poi. Le domande potranno essere presentate esclusivamente tramite la piattaforma telematica dell'Inps  secondo le modalità stabilite nella Circolare Inps 88/2017. La misura non ha una scadenza temporale ma è previsto un vincolo di bilancio annuale: ove il numero delle domande superasse le risorse messe a disposizione l'Inps non potrà accettare più domande di ammissione al bonus. Dunque occorre fare presto. 

Destinatari

Il buono potrà essere percepito per un massimo di un triennio (visto che si riferisce alla platea dei bimbi tra gli 0 e 3 anni) e sarà corrisposto dall'INPS al genitore richiedente, previa presentazione di idonea documentazione attestante l'iscrizione a strutture pubbliche o private ed il relativo pagamento della retta per l'asilo nido. Quanto al perimetro soggettivo ne potranno fare richiesta i genitori residenti in Italia con cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro dell'Unione europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, che risultino in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo ovvero una delle carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’Unione Europea previste dagli artt. 10 e 17 del D.Lgs. n.30/2007. La fruizione del bonus, lo si ricorda, è sganciata dall'accertamento dell'Isee o dei redditi Irpef del genitore ma dovrà riguardare bimbi nati o adottati a partire dal 1° gennaio 2016.

Per i bimbi già iscritti all'asilo nido nell'anno scolastico 2016/2017, l'Inps erogherà il contributo in una unica soluzione a copertura delle rette già pagate (gennaio/luglio 2017 per un totale di 636 euro circa) ed il genitore dovrà allegare la documentazione attestante l'avvenuto pagamento delle rette in tale periodo. Ove il genitore dichiari l'iscrizione del bimbo anche per l'anno scolastico 2017/2018 il bonus sarà corrisposto anche per le mensilità successive (settembre/dicembre 2017) ed in tal caso le rette dovranno essere allegate entro la fine di ciascun mese di riferimento e comunque non oltre il 31 dicembre 2017. Per i bimbi iscritti all'asilo a partire dall'anno scolastico 2017/2018 la presentazione della domanda sarà, invece, possibile solo nel caso in cui sia fornita prova dell’avvenuta iscrizione e del pagamento almeno di una retta di frequenza. La prova dell’avvenuto pagamento può essere fornita tramite ricevuta o quietanza di pagamento, fattura quietanzata, bollettino bancario o postale, e per i nidi aziendali tramite attestazione del datore di lavoro o dell’asilo nido dell’avvenuto pagamento della retta o trattenuta in busta paga.

Complessivamente la misura si rivolgerà a tutti i genitori, anche coloro che risultano senza lavoro che, come noto, non hanno diritto ai voucher per i servizi di baby sitting in alternativa al congedo parentale. Ad ogni modo il buono nido non può essere fruito contestualmente con mensilità coincidenti con l'erogazione del voucher baby-sitting nè con la detrazione fiscale del 19% sul totale delle spese annue documentate di iscrizione in asili nido sostenute dai genitori. 

Bimbi affetti da gravi patologie croniche 
Per i bimbi che non possono frequentare l'asilo in quanto affetti da gravi patologie croniche il bonus sarà erogato in misura piena, pari a mille euro, ed un'unica soluzione per assicurare forme di supporto presso la propria abitazione. In tal caso l'importo verrà corrisposto direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest'ultimo di un'attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l'intero anno di riferimento, l'impossibilita' del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Documenti: Il DPCM 17 Febbraio 2017 ; Circolare Inps 88/2017 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici