Menu

Apprendistato, Il Governo proroga gli incentivi anche per il 2017

La manovra reca, inoltre, uno sgravio contributivo sino a 3.250 euro l'anno per i datori di lavoro che assumono giovani provenienti dall'alternanza scuola lavoro o che hanno svolto contratti di apprendistato formativi.

Sgravi contributivi per i datori di lavoro che assumono giovani a tempo indeterminato a seguito dello svolgimento di un percorso di alternanza scuola lavoro o dopo un contratto di apprendistato di I e III livello ed estensione sino al 2017 dei benefici per i datori di lavoro che attivano l'apprendistato di I livello. Sono queste le due misure per rilanciare  strumenti contenute all'interno della legge di bilancio che entreranno in vigore nel 2017 

Lo sgravio contributivo riguarderà i datori di lavoro del settore privato che assumeranno con contratti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, anche in apprendistato, giovani studenti che abbiano svolto presso il medesimo datore di lavoro periodi di alternanza scuola-lavoro pari almeno al 30 per cento delle ore di alternanza entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, oppure periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione. Il bonus riguarderà le assunzioni avvenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018 e spetterà, a domanda ed entro specifici limiti di spesa (7,4 milioni di euro per l'anno 2017, 40,8 milioni di euro per l'anno 2018, 86,9 milioni di euro per l'anno 2019, 84 milioni di euro per l'anno 2020, 50,7 milioni di euro per l'anno 2021 e di 4,3 milioni di euro per l'anno 2022). Lo sgravio contributivo sarà in forma sperimentale e consiste nell’esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro (ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche e con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL), nel limite massimo di 3.250 euro su base annua e per un periodo massimo di 36 mesi dall'assunzione. Entro il 31 dicembre 2018 il Governo dovrà verificare i risultati della sperimentazione al fine di una sua eventuale prosecuzione.

L'esecutivo ha poi deciso di prorogare anche nel 2017 gli incentivi alle imprese che assumo­no con il nuovo contratto di ap­prendistato di I livello, ai sensi dell'articolo 32 del decreto legislativo 150/2015 (Jobs act) con lo stanziamento di 11,2 milioni di euro, che arrive­ranno dal Fondo per l'occupazio­ne.  In pratica, le aziende che attiveranno, nel corso del prossimo anno, contratti di apprendistato per il di­ploma o la qualifica professionale con ragazzi under 25 potranno non pagare la tassa di licenziamento, il contributo integrativo dello 0,30% per i fondi interprofessiona­li e beneficeranno, poi, dello sgra­vio del pagamento dei contributi Naspi (1,31%), in aggiunta alla conferma dell'esclusione delle spese sostenute per la formazione nel cal­colo dell'Irap. Inoltre, per le impre­se verrà dimez­zata l'aliquota contributiva dovuta in forza dell'assunzione: dal 10% passerà al 5 % fermo restando che per le aziende che occupino un numero di addetti pari o inferiore a nove l'applicazione delle aliquote agevolate del'1,5% e del 3% per i primi due anni di assunzione come previsto dall'articolo 1, co. 773 della legge 296/2006. Queste agevolazioni, introdotte in via sperimentale con il Dlgs 150 del 2015, sarebbero scadute a di­cembre; e ora, invece, rimarranno operative per altri 12 mesi affian­candosi alle norme già in essere che consentono al datore di inquadrare fino a due livelli inferiori il giovane apprendista assunto, e di pagare al 10% le sole ore di formazione "on the job". Non è stata, invece, prorogata la disposizione prevista dall'articolo 22, co. 1 della legge 183/2011 che consente alle imprese che impiegano fino a 9 dipendenti di non pagare contribuzione sino al 3° anno dall'attivazione dell'apprendistato: la misura introdotta dal 1° gennaio 2012 scadrà pertanto il prossimo 31 dicembre 2016.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre diecimila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici