Menu

Pensione a 67 anni, per lo stop serviranno 30 anni di contributi

L'esecutivo ammorbidisce i requisiti per evitare l'innalzamento di cinque mesi dal 2019. L'asticella scenderebbe da 36 a 30 anni di contributi.

Lieve apertura del Governo sulla possibilità di bloccare l'incremento dell'età pensionabile nel 2019 per chi svolge lavori gravosi: nell'incontro tecnico di questa mattina tra Governo e sindacati - spiegano fonti sindacali - l'Esecutivo avrebbe proposto di fissare il requisito contributivo per mantenere l'età di vecchiaia a 66 anni e sette mesi per 15 attività gravose (evitando quindi il passaggio a 67 anni) a 30 anni. Finora si era parlato invece dei requisiti per l'Ape (36 anni).

Il lavoro gravoso per evitare l'aumento dell'età pensionabile deve essere stato svolto almeno in sette anni negli ultimi dieci prima dell'accesso alla pensione (invece che sei anni negli ultimi sette prima dell'accesso alla pensione come aveva ipotizzato Palazzo Chigi la scorsa settimana). sulla falsariga di quanto già previsto in materia di lavori usuranti.  Continuerà, invece, a crescere il requisito contributivo per la pensione anticipata per tutte le categorie professionali (sia gravose che non). Il beneficio, come già anticipato da PensioniOggi.it l'altro giorno, si rivolgerà esclusivamente a 15 categorie di lavoratori dipendenti (11 provenienti dall'Ape sociale più marittimi, pescatori, agricoli e siderurgici). L’allentamento di questi due paletti dovrebbe provocare un leggero ampliamento della platea degli “esentati” che all’inizio della scorsa settimana era stata ufficiosamente stimata in 15-17mila lavoratori.

C'è la disponibilità dell'esecutivo, inoltre, alla revisione del meccanismo di adeguamento dal 2021 su base biennale (in media) per tener conto delle diversità delle mansioni e di eventuali abbassamenti della speranza di vita. Sul versante delle deroghe allo stop dell’aumento dell’età pensionabile sarà confermata l’istituzione di una Commissione tecnica per studiare la possibilità di realizzare nuove stime sull’aspettativa di vita legate alle mansioni svolte. Ne faranno parte Inps, Inail, Istat e i ministeri del Lavoro, dell’Economia e della Salute.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici