Menu

Pensioni, i 600 emendamenti segnalati nella Legge di Stabilità

Tra le proposte sulle quali la Commissione Bilancio si dovrà pronunciare c'è anche l'ipotesi una proroga sino al 2018 dell'Opzione Donna.

Pubblichiamo di seguito i circa 600 emendamenti provenienti dal bollettino ufficiale delle Commissioni Parlamentari segnalati dai gruppi politici alla legge di stabilità che hanno passato l'esame di ammissibilità. A differenza di quanto pubblicato da pensionioggi.it lo scorso 4 dicembre il fascicolo che trovate in calce assorbe anche gli emendamenti provenienti dalla Commissione Lavoro che erano rimasti su un fascicolo a parte. 

Confermate le proposte già anticipate nei giorni scorsi che saranno votate entro la fine di questa settimana dalla Commissione. Tra le modifiche più papabili c'è l'allargamento dell'opzione donna e della settima salvaguardia (con correttivi minimi), l'anticipo al 2016 dell'estensione della no tax area, le misure che tolgono la penalizzazione ai lavoratori precoci usciti tra il 2012 ed il 2014. Tra le tante modifiche segnalate dalle opposizioni, e quindi a rischio bocciatura, la riproposizione della questione dei quota 96 della scuola, l'inclusione nella salvaguardia dei lavoratori che nel 2011 fruivano dei permessi di cui alla legge 104/1992 per assistere disabili, i macchinisti ferroviari. Negli emendamenti spunta anche la proroga dell'opzione donna sino al 2018, un'ipotesi cara soprattutto alla Lega e l'introduzione dei pensionamenti flessibili a partire da 62 anni e 35 di contributi con decurtazione dell'8%, rilanciata dalla minoranza dem. Misure, queste ultime, che quasi certamente non saranno approvate per la contrarietà dell'esecutivo. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Documenti: Gli emendamenti segnalati alla Legge di Stabilità

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici