Menu

Pensioni, Entro il 15 Ottobre la graduatoria su Ape sociale e Precoci

Al via la fase di monitoraggio e di verifica delle condizioni da parte dell'Inps sulle 66mila istanze di accesso ai benefici prodotte per il 2017.

Al via da parte dell'Inps la fase di monitoraggio delle istanze di riconoscimento dei benefici previsti per Ape sociale e lavoratori precociIl 15 luglio scorso è terminata la prima fase per la presentazione delle domande e l'Istituto di previdenza ha comunicato ufficialmente che, nelle quattro settimane intercorrenti dal 17 giugno, giorno del rilascio della procedura online, al 15 luglio, termine di chiusura della prima fase, le domande complessivamente presentate risultano essere 66.409, di cui 39.777 per Ape sociale e 26.632 per la pensione anticipata dei lavoratori precoci (qui l'articolazione per sesso, età e regione). Un numero molto elevato che fa sorgere qualche apprensione circa la possibilità che tutte le istanze vengano accolte senza alcuno slittamento della decorrenza all'anno successivo.

Il Ministero del Lavoro ha calibrato l'intervento, infatti, su un totale di circa 60mila domande per il 2017 destinando per 300 milioni di euro per l'ape sociale e 370 milioni di euro per la pensione anticipata per i cd. lavoratori precoci. In realtà dal numero delle domande pervenute occorrerà sottrarre quelle che saranno rigettate per carenza dei requisiti o della documentazione. Basta, quindi, che il 10% di esse risultino prive dei requisiti che il numero reale delle domande di prestazione da liquidare risulterà in linea con quello preventivato dal Governo. E il rischio di uno slittamento della decorrenza si potrebbe affievolire. 

La procedura di monitoraggio

In caso di insufficienza delle risorse nell'elaborazione della graduatoria (che si concluderà entro il 15 Ottobre) l’Inps provvederà all’individuazione dei soggetti esclusi dal beneficio nell’anno di riferimento e al conseguente posticipo della decorrenza dell’indennità loro dovuta sulla base della maggiore prossimità di raggiungimento del requisito anagrafico per l’accesso al trattamento pensionistico di vecchiaia (o della maturazione del requisito dei 41 anni di contributi per i precoci) e, a parità di requisito, dalla data (e ora) di presentazione della domanda di riconoscimento delle condizioni. Come dire che se le risorse saranno insufficienti a garantire a tutti gli aventi diritto l'accesso sin dal 2017 alle prestazioni verrà individuata una platea di esclusi (saranno penalizzati i più distanti dalla pensione e coloro che hanno presentato in ritardo la domanda di verifica) ai quali sarà comunicato il posticipo della decorrenza della prestazione (APe Social o pensionamento precoci) all'anno successivo. 

L'istanza Tardiva 

In questi giorni si apre anche una seconda fase per la presentazione delle domande che durerà fino al 30 novembre prossimo; richieste che saranno prese in considerazione solo se rimarranno risorse economiche da spendere al termine della procedura di monitoraggio appena citata. Si pensi, ad esempio, a coloro che non sono riusciti a produrre la documentazione entro la data del 15 luglio 2017. La loro istanza avrà una qualche chance di essere accolta nel 2017 solo ove tutti i lavoratori che hanno rispettato la scadenza del 15 luglio abbiano avuto comunicazione di accesso alla prestazione senza alcuno slittamento dovuto all'esaurimento prematuro dei fondi a disposizione. 

In tal caso l’INPS provvederà ad effettuare nell’anno un ulteriore monitoraggio sulle domande presentate successivamente al 15 luglio 2017 e con riferimento alle quali siano riconosciute le condizioni di accesso al beneficio. L'esito del monitoraggio sarà comunicato entro il 31 dicembre 2017. Anche il predetto monitoraggio sarà svolto in base alla data di raggiungimento del requisito anagrafico per l’accesso al trattamento pensionistico di vecchiaia (o dei 41 anni di contributi per i precoci) e, a parità di requisito, alla data di presentazione della domanda di riconoscimento delle condizioni. Ove le risorse non siano sufficienti, in quanto già esaurite con riguardo alle istanze prodotte entro il 15 luglio, la finestra temporale del 30 novembre resterà sostanzialmente priva di effetti. Anche se deve essere ancora chiarito se queste domande saranno automaticamente prese in considerazione per il prossimo anno. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici