Menu

Pensioni, Si amplia l'uscita a 64 anni dei nati nel '52

Il Ministero del Lavoro ha accolto le richieste di correzione della Circolare 196/2016 dell'Inps che aveva imposto alcune limitazioni alla classe 1952.

Il Ministero del Lavoro apre ad una correzione della Circolare Inps 196/2016 per estendere l'uscita a 64 anni e 7 mesi per i lavoratori dipendenti del settore privato nati nel 1952. Lo ha indicato il sottosegretario al welfare Franca Biondelli rispondendo ieri ad una interrogazione parlamentare in Commissione Lavoro al Camera sollevata dall'Onorevole Maria Luisa Gnecchi (Pd).

In considerazione del fatto che l'interpretazione offerta dall'INPS con la circolare n. 196 ha generato lamentele anche da parte degli Istituti di patronato, il Ministero del lavoro – con nota del 6 dicembre dello scorso anno – ha sollecitato l'Istituto a riconsiderare la sua posizione evidenziato testualmente che «si ritiene possibile specificare che anche i periodi di contribuzione volontaria, di contribuzione figurativa maturata per eventi al di fuori del rapporto di lavoro dipendente del settore privato, di contribuzione da riscatto non correlato ad attività lavorativa sono utili allorquando congiuntamente ai soli periodi di contribuzione effettiva accreditata come dipendente lavoratore privato consentano di raggiungere il requisito di anzianità contributiva richiesta dal comma 15-bis dell'articolo 24 del decreto-legge n. 201 del 2011». Nonostante l'apertura del Ministero, ha osservato il sottosegretario, l'Inps non però ancora ha provveduto a modificare l'impianto normativo della Circolare 196/2016.

La questione

Come noto esclusivamente per i lavoratori del settore privato, il predetto comma 15-bis aveva previsto una deroga al fine di mitigare gli effetti particolarmente negativi nei confronti di quei lavoratori che avrebbero perfezionato i requisiti per la pensione di anzianità nel corso del 2012. Pertanto i lavoratori che entro il 31 dicembre 2012 potevano vantare 60 anni di età, 35 anni di contributi e quota 96, possono conseguire – ancora oggi – la pensione anticipata al compimento di una età anagrafica non inferiore a 64 anni. Tale requisito risente degli adeguamenti legati alla speranza di vita, pertanto nel 2016 e nel 2017 sono richiesti 64 anni e sette mesi. Per le lavoratrici, invece, è stato previsto l’accesso alla pensione di vecchiaia – sempre con 64 anni oltre la speranza di vita – a condizione che entro il 2012 perfezionassero 20 anni di contribuzione con una età anagrafica non inferiore a 60 anni.

L'Inps, dopo aver limitato la disposizione ai soli lavoratori che al 28 dicembre 2011 si trovavano in costanza di attività lavorativa dipendente, ha rivisto la propria posizione con la Circolare 196/2016 in esito ad un confronto con il Ministero del Lavoro. In tale documento è stato esteso il beneficio anche a coloro che non svolgevano attività di lavoro dipendente nel settore privato alla predetta data ma fu imposta la condizione che i requisiti contributivi richiesti per accedere alla disposizione fossero composti da sola contribuzione derivante da lavoro dipendente con esclusione della contribuzione volontaria e di quella figurativa o da riscatto non correlata a lavoro dipendente. Escludendo, ad esempio, la contribuzione figurativa da disoccupazione, da riscatto di un periodo di studio, la contribuzione da servizio militare

A seguito delle contestazioni generate da questa interpretazione il Ministero ha, dunque, corretto il rito specificando, in coerenza con i principi generali in materia previdenziale, che anche i periodi di contribuzione volontaria, figurativa e di riscatto siano utili allorquando, congiuntamente ai periodi di contribuzione effettiva come dipendente privato, consentano di raggiungere il requisito di anzianità contributiva richiesta (35/36 anni per gli uomini e 20 anni per le donne). Ora manca solo l'adeguamento da parte dell'Inps alla nota ministeriale, un ritardo ingiustificabile ha stigmatizzato la Gnecchi perchè sta causando la dilatazione del pensionamento per molti lavoratori della classe del 1952. 

 Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici