Menu

Pensioni, Si avvicina il Cumulo Gratuito per i liberi professionisti

Si punta entro Febbraio allo sblocco della convenzione quadro tra Inps e Casse Professionali per consentire la liquidazione delle pensioni di vecchiaia e anticipate in regime di cumulo.

Ministero del Lavoro, Inps e Casse dei liberi professionisti provano a fare un altro passo avanti sulla strada dell’applicazione del cumulo gratuito. I tecnici dell’Inps e dell’Adepp (l’associazione che riunisce 19 enti di previdenza dei professionisti) si sono incontrati ieri per limare i dettagli dell’accordo quadro che dovrà disciplinare gli aspetti pratici alla base dell’erogazione delle prestazioni pensionistiche in regime di cumulo: rapporti economici tra enti, banche dati, protocolli informatici.

Nonostante la pubblicazione della Circolare Inps 140 dello scorso Ottobre la novella prevista dalla legge di bilancio per il 2017 che consente anche ai professionisti di cumulare la contribuzione accreditata presso le casse private e le gestioni Inps ai fini di guadagnare i requisiti per la pensione di vecchiaia o per la pensione anticipata è rimasta ancora congelata. Nell'incontro di ieri la Convenzione non è stata ancora adottata ma si è discusso di come risolvere le difficoltà applicative all'indomani dell'orientamento espresso nella Circolare Inps dello scorso ottobre. Con l'obiettivo di chiudere entro il mese di febbraio. La questione riguarda in particolare le modalità di accertamento dei requisiti per i professionisti che abbiano raggiunto i requisiti anagrafici per la pensione di vecchiaia solo nel regime pubblico obbligatorio ma non ancora nella Cassa Professionale.

Secondo l'impostazione seguita dall'Inps nel documento di ottobre, in questo caso, la domanda di pensione dovrebbe essere prodotta all'Inps anche se la Cassa risultasse l'ente previdenziale di ultima iscrizione (in deroga a quanto previsto a livello generale secondo cui l'ente istruttore sarebbe sempre la gestione di ultima iscrizione): sarà poi l'Inps a doverla trasmettere all'ente previdenziale privato ed acquisire dallo stesso la data di perfezionamento dei requisiti anagrafici al raggiungimento dei quali l'ente previdenziale privato erogherà il pro quota. Nella logica della pensione a formazione progressiva in cui cioè ciascun ente liquiderà la propria quota pensionistica al raggiungimento dei rispettivi requisiti anagrafici (in molte casse l'età di vecchiaia è raggiunta ad età anagrafiche superiori a quelle previste nell'Inps, pari a 66 anni e 7 mesi). La convenzione dovrà regolare questi aspetti con particolare attenzione alla ricezione della provvista economica dalla Cassa Professionale al raggiungimento dei requisiti anagrafici ivi previsti. Seguiranno, quindi, altri incontri per accelerare al massimo: la convenzione dovrà, infatti, prima passare dal via libera dei ministeri vigilanti e, poi, dovrà essere recepita da accordi di dettaglio tra le singole Casse e l’Inps. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici