Menu

Pensioni, Via libera dell'Inps alle domande per l'ottava salvaguardia

I cittadini avranno tempo sino al 2 marzo per inviare la domanda di verifica del diritto a pensione con la normativa sull'ottava salvaguardia pensionistica.

I lavoratori possono presentare domanda per la verifica del diritto a pensione ai sensi dell'ottava salvaguardia (art 1. co 212 e ss. della legge 232/2016) sino al prossimo 2 marzo. Lo comunica l'Inps nella Circolare 193/2016 pubblicata ieri dall'istituto di previdenza. L'Inps precisa che il sistema di gestione delle domande è stato aggiornato con la tipologia relativa alla verifica del diritto a pensione ai sensi dell’articolo 1 commi da 214 a 218 della Legge 232 /2016 (ottava salvaguardia). Il servizio è disponibile, fino al 2 marzo 2017, sia per i patronati, con le consuete modalità, che per i cittadini in possesso delle credenziali di accesso. 

I cittadini possono accedere ai servizio on line - Domanda di Prestazioni previdenziali: Pensione, Ricostituzione, Ratei matur. Nella sezione delle DICHIARAZIONI è possibile selezionare dal menù a tendina: nel campo GRUPPO, la dicitura Certificazione; nel campo PRODOTTO, la dicitura Diritto a pensione; nel campo TIPO, la dicitura Salvaguardia legge 232/2016; nel campo TIPOLOGIA la tipologia di lavoratore: 1) Lavoratori in mobilità o  trattamento speciale edile; 2) Lavoratori autorizzati ai versamenti volontari; 3) Lavoratori autorizzati ai versamenti volontari senza versamenti (accreditati o accreditabili) al 6/12/2011; 4) Lavoratori cessati entro il 30/06/2012; 5) Lavoratori cessati dopo il 30/06/2012; 6) Lavoratori cessati per risoluzione unilaterale; 7) Lavoratori in congedo per figli con disabilità; 8) Lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione cessati tra il 1 gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011  

L'Inps ricorda che i lavoratori di cui all’art. 1, comma 214, lettera c) (soggetti cessati per accordi e risoluzione unilaterale, in congedo ai sensi dell’art. 42, c. 5, del decreto legislativo n. 151 del 2001, con contratto a tempo determinato) devono presentare istanza di accesso al beneficio previsto dalla salvaguardia in parola alle Direzioni territoriali del lavoro del lavoro competenti per territorio entro il 2 marzo 2017, secondo le modalità definite dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con circolare n. 41 del 29 dicembre 2016. Pertanto, la presentazione dell’istanza all’INPS non sostituisce quella da presentare, comunque, alla Direzione territoriale del lavoro competente. 

I profili di tutela
L'ottava salvaguardia consentirà di mantenere in vigore le vecchie regole pensionistiche nei confronti di ulteriori 30.700 lavoratori che nel 2011 si trovano in particolari condizioni. Cinque i profili di tutela che potranno presentare istanza di accesso al beneficio a pena di decadenza entro il 2 marzo 2017: mobilità, autorizzati ai volontari, cessati dal servizio con accordi o senza con il datore di lavoro, in congedo straordinario per assistere figli con disabilità gravi, con contratto a tempo determinato.  
In particolare per i lavoratori in mobilità il termine per maturare il diritto a pensione, con le vecchie regole pensionistiche, viene portato dagli attuali 12 mesi a 36 mesi dopo la scadenza dell'indennità di mobilità o dello speciale trattamento edile. Per accedere alla tutela il rapporto di lavoro deve essere cessato entro il 31 dicembre 2014 a seguito di accordi governativi o non governativi stipulati entro il 2011. Nel caso dei lavoratori provenienti da aziende cessate o interessate dall’attivazione delle vigenti procedure concorsuali quali il fallimento, il concordato preventivo, la liquidazione coatta amministrativa, l’amministrazione straordinaria o l’amministrazione straordinaria speciale l'accordo non è necessario ma il lavoratore deve esibire la documentazione attestante la data di avvio della procedura concorsuale. A tutti gli interessati viene concessa la possibilità di maturare il diritto a pensione anche attraverso il versamento dei contributi volontari ma solo con riferimento ai 36 mesi successivi al termine della fruizione dell'indennità di mobilità o dello speciale trattamento edile.  

Per gli altri profili di tutela (autorizzati alla prosecuzione volontaria dell'assicurazione in possesso o meno di un versamento volontario alla data del 6 dicembre 2011, lavoratori cessati dal servizio a seguito di accordi individuali o collettivi, anche con incentivo all'esodo, o per via unilaterale, lavoratori in congedo straordinario per assistere figli disabili e lavoratori con contratti a tempo determinato) l'ottava salvaguardia sposta sino al 6 gennaio 2018 o al 6 gennaio 2019 (a seconda dei profili di tutela, si veda la tavola infra) il termine per maturare la decorrenza della prestazione pensionistica con le vecchie regole. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre diecimila

Documenti: Circolare Inps 193/2016

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici