Menu

Statali, Ecco cosa cambia dopo il decreto Legge Milleproroghe

Lo stop alle Collaborazioni nelle Pubbliche Amministrazioni slitta al 1 gennaio 2018 in attesa che venga attuata la Riforma della PA.

Ok alla proroga delle graduatorie dei concorsi pubblici. L'articolo 1 del decreto legge milleproroghe conferma fino al 31 dicembre 2017 l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato, approvate successivamente alla data di entrata in vigore del decreto-legge n. 101 del 2013, ferma restando la vigenza delle stesse fino alla completa assunzione dei vincitori. Si completa in questo modo quanto previsto dall’articolo 1, comma 368, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio per l’anno 2017) con cui il legislatore aveva prorogato al 31 dicembre 2017 l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato, vigenti alla data di entrata in vigore del citato decreto-legge n. 101 del 2013. La disposizione, ricorda la relazione illustrativa del provvedimento, si rende necessaria in quanto anche nell’anno 2016 le amministrazioni pubbliche sono state soggette a limitazioni, anche totali, delle assunzioni e pertanto non hanno potuto utilizzare le graduatorie vigenti in quanto si è data priorità all'attuazione alle procedure di mobilità del personale degli enti di area vasta e della Croce Rossa italiana.

Altra misura significativa contenuta nel provvedimento è lo spostamento di un anno del divieto per le pubbliche amministrazioni di stipulare contratti di collaborazione con personale esterno in attesa che si completi il riordino della disciplina dell’utilizzo dei contratti di lavoro flessibile da parte delle medesime amministrazioni, che sarà realizzato con il decreto legislativo attuativo della Riforma della PA. A tal fine, la disposizione proroga al 1° gennaio 2018 il termine a decorrere dal quale si applica il suddetto divieto.

Amministrazioni Pubbliche
Per la polizia penitenziaria il documento proroga sino al 31 dicembre 2017 la graduatoria dei concorsi di cui all’articolo 2199 del codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, pubblicate in data non anteriore al 1° gennaio 2012. Si consente in tal modo, in deroga alle disposizioni di cui al citato articolo 2199, l’assunzione di complessive 887 unità di personale nella qualifica iniziale del ruolo degli agenti e assistenti del Corpo di polizia penitenziaria attingendo alle graduatorie dei concorsi conclusi fino al 2014. Prorogate sino al 31 dicembre 2017 le autorizzazioni alle assunzioni per l’anno 2013 e del 2014, si tratta delle assunzioni a tempo indeterminato relative al comparto sicurezza-difesa e al Corpo nazionale dei vigili del fuoco, che gravano sull’apposito fondo istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze. Prorogate di un anno anche le assunzioni relative ad amministrazioni dello Stato, enti pubblici non economici, comprese le agenzie, ed enti di ricerca riferite ai budget del 2014, del 2015 e del 2016, consentendo anche qui l’utilizzo fino al 31 dicembre 2017. Sempre con riferimento alle amministrazioni pubbliche il provvedimento sposta al 31 dicembre 2017 il termine per procedere alle assunzioni di personale a tempo indeterminato, relative alle cessazioni verificatesi negli anni 2009, 2010, 2011 e 2012, in specifiche amministrazioni pubbliche e il termine per le relative autorizzazioni alle assunzioni. Si tratta, in particolare, delle assunzioni relative ad amministrazioni dello Stato, enti pubblici non economici, comprese le agenzie, ed enti di ricerca, Corpi di polizia, Corpo nazionale dei vigili del fuoco e università. Si proroga, inoltre, sino al 31 dicembre 2017 il termine per l’utilizzo temporaneo di segretari comunali, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, in relazione alle numerose nuove competenze spettanti al medesimo Dipartimento, nonché per utilizzare la professionalità di tali segretari, attualmente senza incarico, iscritti nel previsto Albo.

Area Vasta
Il provvedimento proroga di un anno i contratti di lavoro a tempo determinato del personale degli enti di area vasta, addetto alle funzioni fondamentali, che abbia maturato tre anni di lavoro a tempo determinato alla data del 31 ottobre 2013. La norma, oltre a garantire lo svolgimento dei compiti degli enti di area vasta, consente una continuità occupazionale e si inserisce nel possibile percorso riconosciuto a tale personale con la facoltà di partecipare ad eventuali procedure speciali di reclutamento indette nell’ambito provinciale per una successiva assunzione a tempo indeterminato. 

Centri per l'impiego 
Province e città metropolitane, nelle more dell’attuazione del processo di riordino delle funzioni connesse alle politiche attive del lavoro e al solo fine di garantire la continuità dei servizi erogati dai centri per l’impiego, potranno continuare a stipulare contratti di lavoro a tempo determinato  per l’esercizio dei predetti servizi, e con scadenza non successiva al 31 dicembre 2017, anche nel caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno per l’anno 2016, a condizione che venga garantito l’equilibrio di parte corrente nel periodo interessato dai contratti stessi. Gli enti del Servizio sanitario nazionale (SSN) avranno poi un anno in più per indire e concludere le procedure concorsuali straordinarie per l’assunzione di personale medico, tecnico-professionale e infermieristico, necessario a far fronte alle eventuali esigenze assunzionali emerse in relazione alle valutazioni operate nel piano di fabbisogno del personale, nonché alla possibilità per i predetti enti di stipulare nuovi contratti di lavoro flessibile.  

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici