Menu

Dl Scuola, Atteso il via libera da parte della Camera. Ecco le novità

L'Aula di Montecitorio esamina il decreto legge sulla scuola. Tra le novità in arrivo l'estensione del bonus dei 500 euro anche ai 18enni stranieri residenti in Italia e il via libera alle modifiche sull'Isee dei disabili. 

Battute finali alla Camera per la legge di conversione del decreto legge 42/2016 che reca misure urgenti in materia di funzionalità del sistema scolastico e della ricerca. Dopo un rapido passaggio nelle Commissioni il provvedimento è ora all'esame dell'Aula di Montecitorio per il via libera definitivo che dovrebbe arrivare entro questa settimana. Il provvedimento non è stato modificato rispetto al testo uscito da Palazzo Madama e, pertanto, saranno confermate le modifiche apportate al testo durante il primo passaggio parlamentare. 

Per i professori arriva l'estensione all'anno scolastico 2016/2017 e ai docenti assunti a tempo indeterminato entro l'anno scolastico 2015/2016 (dunque, anche a quanti sono stati assunti in base al piano straordinario) della possibilità di richiedere l'assegnazione provvisoria interprovinciale, anche in deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia e anche sul contingente annuale di posti non facenti parte dell'organico dell'autonomia. C'è poi la proroga dal 31 agosto al 15 settembre 2016 relativa al termine per le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente della scuola statale con la precisazione che la decorrenza economica del contratto di lavoro consegua alla presa di servizio. Si tratta di una deroga collegata alle novità derivanti dalla legge n. 107 del 2015, con particolare riferimento alla tempistica per lo svolgimento dei concorsi per il reclutamento di personale docente, ma anche per la conclusione delle procedure legate al piano straordinario di mobilità previsto per l'anno scolastico 2016/2017. 

Tra le modifiche apportate al sistema scolastico va segnalata una misura che disciplina l'assunzione in regioni diverse da quella per cui hanno concorso dei docenti ancora inseriti nelle graduatorie di merito relative al concorso del 2012 per la scuola dell'infanzia, fino all'approvazione delle corrispondenti graduatorie relative al concorso bandito nel 2016. Termini e modalità di attuazione, inclusa la determinazione del limite massimo delle assunzioni in regioni diverse, comunque non superiore al 15 per cento dei posti disponibili per ciascuna regione, fermo restando il rispetto della quota massima del 50 per cento dei posti riservata alle graduatorie dei concorsi per titoli ed esami, saranno definiti con un decreto ministeriale da emanare entro 30 giorni. I soggetti interessati potranno presentare apposita istanza al MIUR, indicando l'ordine di preferenza tra tutte le regioni, e le assunzioni avvengono in subordine rispetto ai soggetti ancora inseriti nelle graduatorie di merito delle regioni indicate. Chi non accetta la proposta di assunzione – avendo presentato domanda – è definitivamente espunto dalle rispettive graduatorie di merito e ad esaurimento. All'esito di tali procedure, le graduatorie di merito del concorso del 2012 saranno soppresse, anche in caso di incompleto assorbimento dei soggetti ivi inseriti.

Un altro emendamento approvato in Senato, prevede, a decorrere dal 2017, la corresponsione di un contributo per le scuole paritarie in proporzione agli alunni con disabilità frequentanti, nel limite di spesa di 12,2 milioni di euro annui. Si tratta di uno stanziamento finalizzato a rimediare all'impedimento registratosi di fatto alla libera scelta da parte delle famiglie con figli disabili rispetto alla tipologia di istituto scolastico cui iscrivere i propri figli e, dunque, a rimuovere una discriminazione.

Il provvedimento reca poi una garanzia circa il tempestivo pagamento delle somme spettanti al personale della scuola per incarichi di supplenza breve e saltuaria, in particolare prevedendo che il pagamento deve essere effettuato entro il trentesimo giorno successivo all'ultimo giorno del mese di riferimento. Al fine di assicurare un'efficiente e corretta gestione del personale supplente, si prevede l'attribuzione di un codice identificativo univoco al personale docente e ATA destinatario di incarichi di supplenza breve e saltuaria, che rimane invariato lungo tutta la vita lavorativa, fino all'eventuale immissione in ruolo. Per spronare il rispetto dei termini di pagamento da parte dei dirigenti scolastici si precisa che la puntualità nel pagamento degli stipendi concorre alla valutazione dei dirigenti scolastici e di quelli delle amministrazioni coinvolte. Infine è confermata una nuova disciplina relativa all'ordinamento professionale dei periti industriali, innalzando il titolo di studio richiesto per l'accesso alla libera professione (dal diploma di istituto tecnico al diploma di laurea). È comunque prevista una disciplina transitoria, in base alla quale per i 5 anni successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione sono fatti salvi, fra gli altri, ai fini dell'accesso all'esame di Stato, i titoli di studio conseguiti o da conseguire in base alla normativa previgente. Da segnalare anche l'estensione a tutti i residenti in Italia che compiono 18 anni nel 2016 – dunque, anche a soggetti cittadini di paesi extra UE, in possesso, ove previsto, del permesso di soggiorno in corso di validità – dell'assegnazione della card per acquisti culturali, dell'importo massimo di euro 500, istituita recentemente dalla legge di stabilità 2016. 

Per i disabili, infine, viene confermata una nuova modalità transitoria di calcolo dell'ISEE relativo ai nuclei familiari con componenti con disabilità, anche ai fini del riconoscimento di prestazioni scolastiche agevolate, in attesa dell'adozione delle modifiche al regolamento vigente volte a recepire le recenti sentenze del Consiglio di Stato. Per tali soggetti, il calcolo sarà effettuato escludendo dal reddito disponibile, ai fini ISEE, tutti i trattamenti della pubblica amministrazione già esenti dalla tassazione ai fini IRPEF, percepiti in ragione della condizione di disabilità e prevedendo un unico parametro di maggiorazione della scala di equivalenza con riferimento alle spese e alle franchigie per i soggetti disabili o non autosufficienti, indipendentemente dalla loro età anagrafica.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici