Menu

Lavoro, Inps: Continua il calo nel 2017 di artigiani e commercianti

Lo certifica l'Inps nell'Osservatorio sui lavoratori autonomi. Più accentuata la flessione degli artigiani che registrano un calo dell'1,4% rispetto al 2016.

Calano nel 2017 gli iscritti presso le gestioni speciali dei commercianti e degli artigiani rispetto al 2016. Lo certifica l'Inps nell'osservatorio sul lavoro autonomo pubblicato oggi dall'istituto di previdenza pubblico.

Per quanto riguarda gli artigiani nel 2017 gli iscritti sono stati 1.700.710 con un calo dell'1,4% rispetto al 2016 (1.724.070 iscritti), quando la flessione era stata pari a -2,5% rispetto al 2015 (1.767.920 iscritti). La ripartizione per qualifica, nel 2017 registra una marcata prevalenza di titolari che, con 1.568.819 iscritti, costituiscono il 92,3% del totale rispetto ai restanti collaboratori. L'artigiano continua a rivelarsi un mestiere prevalentemente maschile dato gli uomini costituiscono il 79,4% del totale degli artigiani nel 2017. Cifra che sale ancora di più se si stringe il cerchio sui titolari: l’81,2% del totale dei titolari è uomo contro il 18,8% delle titolari femmine. Tra i collaboratori la differenza per genere è meno marcata. I maschi, infatti, con 75.305 iscritti sono poco più della metà del totale (57,3%), contro 56.046 femmine.

Tra gli artigiani la classe di età tra i 40 e i 49 anni è quella con maggior frequenza, pari al 30,8%, mentre il 16,8% ha un’età pari o superiore ai 60 anni e solo il 5,8% ha meno di 30 anni. A livello territoriale più della metà delle aziende artigiane (56,4%) si trova nelle regioni del Nord. In particolare il Nord-Ovest è l’area geografica che, con il 31,4%, presenta il maggior numero di artigiani, seguito dal Nord-Est con il 24,9%, dal Centro con il 20,8%, dal Sud con il 15,3% e dalle isole con il 7,6%. La maggior parte degli artigiani si concentra in Lombardia, con 315.433 iscritti (18,6%). Seguono Emilia Romagna con 176.537 iscritti (10,4%), Veneto con 176.522 iscritti (10,4%) e Piemonte con 159.198 iscritti (9,4%).

Per i commercianti calo più contenuto

Per quanto riguarda i commercianti l'Inps comunica che nel 2017 gli iscritti alla gestione speciale sono stati 2.242.259, con una lieve flessione rispetto al 2016 (-0,6%), del tutto analoga alla flessione che si era registrata nel 2016 rispetto al 2015 (-0,7%). Tra i commercianti prevalgono i lavoratori di sesso maschile, che sempre nel 2017 costituiscono il 67,2% dei lavoratori (in lieve aumento nel corso del tempo) mentre a prevalere tra i collaboratori sono le femmine (58,2%), con 116.400 iscritti. 

Tra i 40 e i 49 anni di età si concentra la maggior parte dei commercianti (28,8%), il 27,2% ha un’età compresa tra i 50 e i 59 anni e il 17,8% ha dai 60 anni in poi. Nel complesso, nelle classi di età dai 40 anni in su si concentra il 73,7% dei commercianti. Solo il 7,7% dei lavoratori ha un’età inferiore ai 29 anni. Dal punto di vista territoriale si osserva che il 26,7% delle aziende si trova nel Nord-Ovest, il 19,9% nel Nord-Est, il 21,1% al Centro, il 22,7% al Sud e il 9,6% nelle isole. La regione che registra il maggior numero di commercianti è la Lombardia con 343.425 iscritti, pari al 15,3% del totale, seguita da Campania (9,9%), Lazio (9,4%), Veneto (8,3%), Piemonte (7,9%) ed Emilia Romagna (7,8%).

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici