Menu

Reddito di Emergenza, Domande entro il 31 luglio 2020

Il decreto legge 52/2020 ha posticipato di un mese il termine perentorio per la presentazione delle domande di accesso alla misura.

Un mese in più di tempo per la presentazione della domanda per il conseguimento del REM, il reddito di emergenza. L'articolo 2 del Dl 52/2020 ha stabilito, tra l'altro, lo slittamento dal 30 giugno al 31 luglio 2020 del termine perentorio per la presentazione della domanda. Invariate le altre caratteristiche dell'indennità che vale da 400 a 840 euro mensili a seconda della composizione del nucleo familiare corrisposte in due quote di pari importo.

La misura si rivolge a tutti i nuclei familiari (anche stranieri) che risiedono in Italia in possesso: 1) di un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore alla cifra del beneficio conseguibile (quindi non superiore a 840 euro a seconda della composizione del nucleo familiare); 2) un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all'anno 2019 inferiore a 10.000 euro, accresciuto di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000. Il predetto massimale e' incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilita' grave o di non autosufficienza ; 3) un valore dell'ISEE inferiore ad euro 15.000.  Con riferimento a tale ultimo requisito il valore ISEE viene attestato nell’ultima DSU, valida alla data di presentazione della domanda di accesso al beneficio (in caso di nuclei con presenza di minorenni, rileva l’ISEE minorenni, in luogo di quello ordinario).

Più tempo per le domande

Lo slittamento dal 30 giugno al 31 luglio del termine per la presentazione della domanda di accesso va salutato con favore in quanto ,oltre a concedere più tempo agli interessati per conoscere la misura, consente la ripresentazione delle numerose domande di ReM rigettate dall'Inps per mancanza di una DSU valida. Si rammenta che in caso di accoglimento, il ReM è erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Quindi, se la domanda è presentata entro il 31 maggio 2020 saranno erogate le mensilità di maggio e giugno; se è presentata nel corso del mese di giugno 2020 saranno erogate le mensilità di giugno e luglio 2020; se è presentata a luglio 2020 saranno erogate le mensilità di luglio ed agosto 2020. L'Inps avviserà il richiedente circa l'esito dell'istanza mediante SMS e/o e-mail, utilizzando i dati di recapito indicati in domanda.  Il beneficio è erogato mediante bonifico bancario/postale, accredito su Libretto postale o bonifico domiciliato (pagamento in contanti presso gli sportelli di Posta Italiane S.p.A.), secondo la preferenza espressa nel modulo di domanda. Le domande possono essere presentate tramite il sito istituzionale dell'Inps o tramite CAF e Patronati abilitati.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici