Pensioni, A luglio si rinnova la quattordicesima. Ecco le platee

Martedì, 28 Giugno 2022
L'Inps illustra l'articolazione delle fasce di reddito dei pensionati che riceveranno a breve la somma aggiuntiva alla pensione. Quest'anno il beneficio andrà ai pensionati con redditi non superiori a 13.633€.

Quest’anno la cd. «quattordicesima» mensilità, erogata a luglio, spetta sulle pensioni sino a circa 1.050 euro lordi al mese. A spiegarlo è l'Inps con il messaggio inps 2592/2022 pubblicato oggi con il quale, come di consueto, vengono comunicate le nuove fasce reddituali annuali. 

Come noto dal 2017 il bonus riconosciuto con la mensilità di luglio ai pensionati Inps con almeno 64 anni spetta sino ai redditi pari a 2 volte il trattamento minimo Inps in importi differenti (da 336 a 655€) a seconda della contribuzione sulla base della quale è stata liquidata la pensione. Considerato che il trattamento minimo (provvisorio) per il 2022 è risultato pari a 524,35 euro al mese il beneficio è erogato ai pensionati che non abbiano superato un reddito personale (non conta quello del coniuge) di 13.633,11€ annui (si veda sotto la tabella con l'articolazione delle fasce vigenti nel 2022).

Ai fini del reddito rileva non solo la pensione di cui il pensionato è titolare ma anche i redditi di qualsiasi natura, con l'esclusione dei trattamenti di famiglia, le indennità di accompagnamento, del reddito della casa di abitazione, i trattamenti di fine rapporto e competenze arretrate e le pensioni di guerra. L'eventuale cd. «bonus» di 200€ contro il «caro energia» non influisce sul reddito rilevante.

Prestazioni escluse

Il beneficio spetta solo su pensioni dirette o indirette (anche di invalidità) erogate dall’Inps ancorché in regime di cumulo assicurativo con altri enti previdenziali. Sono esclusi, pertanto, gli invalidi civili, i titolari di assegni sociali, e i titolari di trattamenti non pensionistici di accompagnamento alla pensione come ape sociale, ape volontario, indennità per la cessazione definitiva dell’attività commerciale, assegni straordinari di solidarietà, isopensione, indennità mensile nel contratto di espansione. Fuori pure i pensionati a carico delle casse professionali (es. cassa forense, inarcassa, eccetera).

Pagamento d'ufficio

Come di consueto il pagamento verrà effettuato d’ufficio per i pensionati di tutte le gestioni Inps unitamente al rateo di pensione di luglio ovvero di dicembre per coloro che perfezionano il requisito anagrafico (cioè i 64 anni) successivamente al 31 luglio (1° luglio per le gestioni pubbliche) o per coloro divenuti titolari della pensione nel corso di quest'anno.

Nello specifico nel caso di prima concessione, vengono valutati tutti i redditi posseduti dal soggetto nell’anno 2022; nel caso di concessione successiva alla prima si valutano i redditi per prestazioni per le quali sussiste l’obbligo di comunicazione al Casellario centrale dei pensionati conseguiti nel 2022 e i redditi diversi da quelli oggetto di comunicazione al Casellario centrale, conseguiti nel 2021 (o degli anni precedenti sino al 2018 in caso di assenza di informazione).

L'importo, si rammenta, è erogato in via provvisoria e sarà verificato non appena saranno disponibili le informazioni consuntivate dei redditi dell’anno 2021 o, nel caso di prima concessione, dell’anno 2022. In caso l’importo risulti non dovuto l’ente ne chiedere la restituzione.

Domande online

Coloro che non ricevano la quattordicesima e ritengano di averne diritto possono in ogni caso presentare domanda di ricostituzione on line attraverso il sito internet dell’Istituto se in possesso delle credenziali di accesso: SPID (Sistema pubblico Identità Digitale), CNS (Carta Nazionale dei Servizi), ovvero, tramite un patronato.

Documenti: Messaggio Inps 2592/2022

© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati