Menu

Pensioni, Ultimi giorni per APE Social e Precoci

Scade a fine mese l'ultima finestra annuale per il conseguimento dell'Ape sociale e del beneficio della pensione anticipata con 41 anni di contributi per i cd. lavoratori precoci.

Ultimi giorni per la presentazione delle istanze di verifica dei requisiti per l'ape sociale e per la pensione anticipata con 41 anni di contributi per i lavoratori precoci per l'anno corrente. I lavoratori che maturano i requisiti anagrafici e/o contributivi entro il 31 dicembre 2019 hanno tempo sino al 30 novembre 2019 per produrre l'istanza di verifica all'Inps.

Come noto, infatti, la legge richiede una preventiva domanda all'ente di previdenza volta a certificare che il richiedente versi in una delle condizioni che legittimano la concessione delle due prestazioni. In particolare possono godere delle agevolazioni: i lavoratori dipendenti in stato di disoccupazione che abbiano esaurito integralmente l'ammortizzatore sociale (la naspi); gli invalidi civili con invalidità non inferiore al 74%; i soggetti che prestano assistenza al parente disabile convivente da almeno sei mesi; coloro che hanno svolto almeno sei anni negli ultimi sette oppure almeno sette anni negli ultimi dieci, mansioni cd. gravose; i notturni e gli usuranti (queste ultime due categorie possono ottenere solo la pensione anticipata con 41 anni di contribuzione).

Dal 1° maggio 2017 i soggetti che versano in tali condizioni possono chiedere l'ape sociale, una specie di assegno di accompagnamento alla pensione di vecchiaia, dall'età di 63 anni a condizione di possedere 30 o 36 anni di contributi (a seconda del profilo di tutela per il quale si presenta l'istanza), oppure la pensione anticipata con 41 anni di contributi (a cui dal 1° gennaio 2019 va aggiunta una finestra mobile di tre mesi) a prescindere dall'età anagrafica a condizione di avere svolto almeno 12 mesi di lavoro effettivo prima del 19° anno di età.

Alla scadenza del 30 novembre sono tenuti i lavoratori che non hanno potuto presentare l'istanza di certificazione all'Inps entro il 15 luglio 2019 (1° marzo per i precoci) ma che maturano i requisiti anagrafici e contributivi sopra descritti entro il 31 dicembre 2019; l'ultima finestra utile per l'anno corrente. L'Inps dovrà comunicare l'accoglimento con l'indicazione della prima data utile di decorrenza della prestazione (nei limiti delle risorse stanziate) o il rigetto dell'istanza per il mancato possesso dei requisiti entro il 31 dicembre 2019.

Chi matura i requisiti nel 2020 potrà presentare l'istanza di verifica entro il 31 marzo, entro il 15 luglio oppure entro il 30 novembre 2020 (1° marzo e 30 novembre 2020 per i precoci). L'ape sociale, infatti, durerà anche il prossimo anno secondo quanto fissato dalla recente legge di bilancio per il 2020 (l'agevolazione per i precoci è già stabilizzata e, pertanto, non ha bisogno di una proroga legislativa al riguardo).

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici