Menu

Scuola, Ecco chi potrà partecipare al Concorso di dicembre

Entro il 1° dicembre 2015 il Miur pubblicherà un bando riservato ai soli docenti abilitati per la propria classe di concorso. Le graduatorie avranno validità triennale.

L'approvazione definitiva del disegno di legge sulla buona scuola conferma il bando di concorso su circa 60mila cattedre a cui potranno partecipare solo i docenti in possesso della relativa abilitazione per l'insegnamento (es. TFA e PAS o lauree abilitanti). L'unica novità sostanziale sta nel maggior tempo che il Miur si prende per la pubblicazione del bando: entro il 1° Dicembre 2015 e non piu' entro il 1° Ottobre 2015. Due mesi in piu' necessari per tarare meglio la macchina dell'organico dell'autonomia e le annesse esigenze di organico.

Il Bando garantirà infatti la copertura, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili, di tutti i posti vacanti e disponibili nel nuovo organico dell'autonomia, nonché per i posti che si rendano tali nel triennio compresi i posti sul sostegno. Per i posti di sostegno potrannno concorrere i candidati in possesso del relativo titolo di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni in situazione di handicap. Non potrà partecipare, invece, il personale docente ed educativo già assunto su posti e cattedre con contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato nelle scuole statali. 

I nuovi assunti entreranno dunque a pieno titolo a far parte del ruolo unico regionale e saranno soggetti al potere di chiamata diretta dei presidi che darà loro un incarico triennale, di regola, rinnovabile. A tal fine i docenti dovranno esprimere, secondo l'ordine di graduatoria, la preferenza per l'ambito territoriale di assunzione, ricompreso fra quelli della Regione per cui hanno concorso.

Nel bando di concorso non ci saranno quote riservate ma solo la possibilità di attribuire un maggior punteggio per le abilitazioni all’insegnamento conseguite sia tramite procedure selettive pubbliche per titoli ed esami (si pensi in particolare ai TFA e ai PAS), sia attraverso conseguimento di specifica laurea magistrale o a ciclo unico. E’ inoltre valutabile il servizio prestato a tempo determinato, per un periodo continuativo non inferiore a centottanta giorni, nelle istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado.

Si ricorda che le relative graduatorie avranno validità triennale a decorrere dall’anno scolastico successivo a quello di approvazione delle stesse e perderanno efficacia con la pubblicazione delle graduatorie del concorso successivo e comunque alla scadenza del predetto triennio.



Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici