Menu

Dirigenti Scolastici, domande entro il 7 settembre per i posti vacanti nelle altre regioni

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha avviato la procedura relativa alla copertura dei posti vacanti di dirigente scolastico per il prossimo anno scolastico 2015/2016.

Il Miur ha pubblicato il decreto per la copertura dei posti vacanti di dirigente scolastico per il prossimo anno scolastico 2015/2016 ai sensi ai sensi dell’articolo 1, comma 92, della legge 107/15 (“La Buona Scuola”). Le domande possono essere presentate dai soggetti interessati entro il 7 settembre 2015.  

Tale procedura è finalizzata alla copertura dei posti di dirigente scolastico in quelle regioni nelle quali risultino posti vacanti e disponibili con l'assunzione di soggetti idonei inclusi nelle graduatorie del concorso per il reclutamento di dirigenti scolastici bandito con decreto direttoriale del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca 13 luglio 2011 di altre regioni, che non siano stati ancora immessi in ruolo per carenza di posti vacanti e disponibili nella rispettiva regione.

I posti sono conferiti, per ciascun anno scolastico, nel limite massimo del 20% di quelli vacanti e disponibili in ciascuna regione, residuati all'esito delle operazioni di mobilità e di immissione in ruolo effettuate per il medesimo anno scolastico e fatti salvi i posti accantonati per i soggetti di cui all'articolo 1, comma 88, della legge 107/2015.  

Per la partecipazione i docenti devono presentare un'unica domanda all'Ufficio Scolastico della regione nella cui graduatoria sono inclusi indicando l'ordine di preferenza tra le regioni in cui risulti disponibilità di posti entro il 7 settembre 2015.  Entro l'11 settembre 2015, gli Uffici Scolastici Regionali trasmettono alla Direzione generale per il personale scolastico le domande pervenute, dopo averne verificato l'ammissibilità.

Per quanto riguarda l'assegnazione dei posti le posizioni dei soggetti sono inserite, dalla Direzione generale per il personale scolastico, in un unico elenco secondo il punteggio conseguito nelle rispettive graduatorie regionali. A parità di punteggio ci si atterrà a quanto disposto dall'articolo 14 del Bando di concorso, di cui al decreto direttoriale 13 luglio 2011.

L'assegnazione della sede regionale all'aspirante candidato avviene sulla base della posizione occupata da ciascun aspirante e delle preferenze espresse nella domanda. Entro 5 giorni dalla pubblicazione sul sito istituzionale del Ministero dell'istruzione, dell 'università e della ricerca, dell'assegnazione della sede regionale di destinazione, le posizioni dei candidati vengono definitivamente depennate dalle rispettive graduatorie regionali.

I destinatari di incarico a tempo indeterminato a seguito della procedura indicata dal decreto, sono obbligati a permanere nella regione assegnata per almeno un triennio.

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici