Menu

Pensioni Quota 96, Giannini: i docenti andranno nell'organico funzionale

Il Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini indica la possibilità di inserire nell'organico funzionale i 4mila docenti che si riconoscono nel movimento Quota 96. Se la deroga non passerà la pensione arriverà non prima del 2017.

La legge di stabilità 2015 ha riservato un'altra delusione per i quota 96 della scuola. Nel provvedimento con oltre 700 commi non c'è alcuna traccia della salvaguardia in favore dei circa 4mila tra docenti e personale Ata che aveva raggiunto i requisiti di pensionamento entro la fine dell'anno scolastico 2011/2012.

Nei giorni scorsi il Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini ha indicato però che il Governo intende offrire una soluzione per questo comparto. L'idea, che dovrebbe essere messa nero su bianco in occasione dell'adozione dei provvedimenti legislativi sulla cd. buon scuola, sarà piuttosto il collocamento nell'organico funzionale, cioè quella quota di personale docente, privo di classe, che può aggiungersi all’organico di fatto e che può servire alla scuola ad ampliare l’offerta formativa, alla sostituzione dei docenti e ad avere anche una squadra di insegnanti a disposizione di reti di scuole.

In pratica i quota 96 diventerebbero una sorta di "tappabuchi": perderebbero le classi e, quindi, le lezioni frontali ma resteranno a disposizione della scuola per integrare l'offerta formativa scolastica. In ogni caso la pensione la vedranno tra non meno di altri 2-4 anni, secondo quanto prevede oggi la legge Fornero. 

Per i rappresentanti sindacali Cobas della Scuola la misura proposta dalla Ministra è assolutamente "irricevibile" in quanto comunque finisce per "far pagare sulla pelle degli insegnanti gli errori del Governo". L'unica soluzione, affermano i Cobas, è quella di inserire nei provvedimenti legislativi sulla buona scuola che il Governo addotterà a febbraio, l'opzione per il collocamento a riposo dal 1° settembre.

I Cobas denunciano da tempo lo stallo della vicenda per il comparto: "in questo continuo tira e molla le Casse dello Stato hanno "risparmiato" 3 anni di prestazioni, dal 1° settembre 2012 al 1° settembre 2015 in danno dei lavoratori". 

Pensioni, come si calcola la quota 96

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici