Menu

Scuola, accreditati i 500 euro per la formazione professionale degli insegnanti

Premier pubblica post insegnante che rende merito a governo sull'erogazione questa settimana del bonus per la formazione e l'aggiornamento professionale degli insegnanti di ruolo.

 "Sono arrivati. 500 euro, tondi tondi. Non una chiacchiera o una promessa, ma un fatto. 500 euro sul mio conto corrente, provenienti dal ministero della Pubblica istruzione". Lo scrive su Facebook un professore umbro, Giovanni, rilanciato stamattina da Matteo Renzi sulla sua bacheca per dimostrare l'avvenuto accredito della somma prevista per l'aggiornamento professionale degli insegnanti di ruolo dalla buona scuola. "Lui è un professore umbro, si chiama Giovanni. Ha scritto questo post -segnala il presidente del Consiglio-. Mi piace condividerlo senza aggiungere nulla. E riflettere insieme su quanto sia cruciale per la nostra società il ruolo del prof oggi più che mai". 

Tra le altre cose, il docente sottolinea a proposito dei 500 euro che "sono arrivati come me ad ogni insegnante di ruolo di questo Paese, dall'infanzia al liceo. Compresi quelli che berciavano alla distruzione della scuola pubblica e alla deportazione dei neo-assunti, e che ora tacciono, col malloppo in tasca, pronti al prossimo piagnisteo. 500 euro da parte di un governo che non ho nemmeno votato". Per Giovanni, è "la cosa più giusta e straordinaria di un governo dal dopoguerra ad oggi". Lunedì, del resto, era stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM 23 Settembre 2015 che regolava le modalità di erogazione del bonus. Per quest'anno la somma è stata accreditata direttamente sullo stipendio con una emissione speciale; dal prossimo sarà rilasciata una carta elettronica al docente ricaricata del medesimo importo. Qui gli ulteriori dettagli sul funzionamento del bonus e sulla rendicontazione delle spese. 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici