Menu

Scuola, ultimi ore per aderire al piano straordinario di assunzioni

Scade domani il bando per l'iscrizione alla procedura nazionale del Piano straordinario di assunzioni previsto dalla legge 'Buona Scuola'.

Rush finale per il piano straordinario di assunzioni. I docenti nelle graduatorie ad esaurimento e nelle graduatorie di merito del concorso Profumo del 2012 hanno tempo sino a domani, 14 agosto alle ore 14 per presentare la propria candidatura alle fasi B e C del piano straordinario contenuto nella buona scuola.

La procedura riguarda i 55.258 nuovi posti del potenziamento, di cui 6.446 destinati al rafforzamento del sostegno. A questi si sommeranno i posti non assegnati eventualmente vacanti a seguito delle assunzioni sul turn over (36.627) e sui restanti posti disponibili (10.849). 

La Domanda. La presentazione delle domande avviene tramite il sistema Istanze on line del Miur. Nella domanda online l’aspirante visualizza le informazioni che concorrono alla determinazione dell'ordine per le assunzioni. Dovrà indicare: 1) la categoria per la quale intende partecipare (concorso o graduatorie ad esaurimento), se figura in entrambe; 2) la tipologia di posto (comune o sostegno) che preferisce venga trattata per prima, se in possesso di specializzazione sul sostegno: 3) l’ordine di preferenza delle province, in ciascuna delle quali saranno analizzati tutti gli insegnamenti per i quali l’aspirante partecipa, comuni e di sostegno, con la priorità specificata. Per poter convalidare la domanda occorre aver indicato tutte le province in ordine di gradimento.

L'assegnazione degli aspiranti ai posti, dichiarano dal Ministero, avverrà con una particolare attenzione a garantire - al massimo delle possibilità - che ciascuno sia assegnato proprio alla prima tra le province secondo l'ordine delle preferenze espresse. "Solo se nella prima provincia non sarà possibile trovare posto, perché tutti i posti risulteranno occupati da altri soggetti con maggior punteggio che hanno scelto quella provincia come prima, allora capiterà che la proposta di incarico a tempo indeterminato sarà effettuata per una provincia diversa" si affretta a precisare il Miur.

L'assegnazione. L'assegnazione si concluderà entro i primi di novembre quando i docenti riceveranno dal Miur la proposta di assunzione a tempo indeterminato con l'indicazione della provincia, l'ordine di scuola, la classe di concorso, posto comune/posti di sostegno, in cui si è stati nominati. Ricevuta la proposta i prof potranno accettare o meno l'offerta ricevuta entro 10 giorni. In caso di accettazione, l'Usr di riferimento indicherà la sede di servizio presso la quale il docente sarà provvisoriamente assegnato. Chi rinuncia non potrà essere destinatario di ulteriori proposte di assunzione ed uscirà definitivamente dal piano.

Chi non partecipa al bando. Si conferma la facoltà per i docenti nelle GaE di non fare domanda per il piano straordinario mantenendo l'iscrizione nelle relative Graduatorie. E sperare in un'assunzione nei prossimi anni nella provincia in cui si è iscritti. Nulla da fare invece per chi è nelle graduatorie di merito dato che queste sono destinate a perdere la propria efficacia quest'anno con l'indizione del nuovo bando di concorso (entro il 1° dicembre 2015). Pertanto chi non presenterà domanda rimarrà definitivamente fuori dal piano straordinario.

Il Miur consiglia comunque di non disertare il piano di assunzioni offerto dalla buona scuola. Chi lo farà avrà infatti da un lato meno possibilità di essere impiegato in supplenze rispetto al passato, dall'altro dovrà attendere almeno l'anno 2017/2018 per la ripartenza degli scorrimenti delle graduatorie posto che nel 2016/2017 l'assegnazione dei posti vacanti e disponibili sarà in gran parte occupata dal personale già di ruolo nel 2014/2015 con il piano straordinario di mobilità. Ed inoltre non è detto che nel frattempo il Parlamento non ci ripensi sopprimendo le GaE oppure diminuendo il numero di assunti tramite questo canale (che oggi concorre per il 50% al fabbisogno dei posti vacanti e disponibili della provincia di riferimento). 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici