Menu
Aggiornato lo strumento di PensioniOggi.it per determinare l'importo dell'assegno al nucleo familiare a partire dal 1° luglio 2018.

Come noto la generalità dei lavoratori dipendenti e i pensionati titolari di prestazioni economiche derivanti da lavoro dipendente hanno diritto all'assegno al nucleo familiare (ANF). L'assegno consiste in un trasferimento monetario unitario pagato direttamente dall'Inps o dal datore di lavoro rispettivamente al pensionato o al lavoratore in attività il cui importo risulta legato alla composizione del nucleo familiare e del reddito complessivamente percepito dai sui componenti. Scopo dell'ANF è integrare il reddito da lavoro dipendente o da pensione della famiglia in presenza di figli minorenni o maggiorenni disabili o altri componenti (tra cui fratelli, sorelle o nipoti minorenni). 

Essendo l'importo strettamente legato al concetto di nucleo familiare è necessario avere ben chiari quali componenti possono essere inseriti o meno nel nucleo. Secondo quanto dispone l'articolo 2, co. 6 del Dl 69/1988 convertito con legge 153/1988 sono da considerare appartenenti allo stesso nucleo familiare oltre il richiedente la prestazione: a) il coniuge purchè non sia legalmente ed effettivamente separato; b) i figli di età inferiore a 18 anni compiuti oppure, senza limite di età qualora si trovino, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro; c) i fratelli, le sorelle ed i nipoti di età inferiore a 18 anni compiuti ovvero oppure, senza limite di età qualora si trovino, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro, nel caso in cui essi siano orfani di entrambi i genitori e non abbiano conseguito il diritto a pensione ai superstiti

In presenza di nuclei familiari con più di figli tre figli o equiparati di età inferiore ai 26 anni compiuti, ai fini della determinazione dell'assegno rilevano, al pari dei figli minori, anche i figli di età superiore a 18 anni compiuti e inferiore a 21 anni compiuti purché studenti o apprendisti (art. 1, co. 11, lett. d), legge 296/2006). Il nucleo parentale rilevante ai fini del riconoscimento dell'assegno al nucleo familiare può essere composto anche da una sola persona nei casi in cui la stessa sia titolare di pensione ai superstiti da lavoro dipendente ed abbia un'età inferiore a 18 anni compiuti ovvero si trovi, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a un proficuo lavoro.

Il Tool seguente, realizzato da PensioniOggi, consente rapidamente di verificare l'importo spettante. Per l'utilizzo è sufficiente indicare il periodo temporale (da luglio a giugno di ciascun anno), la tipologia di nucleo familiare (con figli, orfanile o senza figli) ed il reddito complessivo degli appartenenti al nucleo familiare relativo all'anno solare precedente a quello di godimento. 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici