Menu
Verifica l'importo e la durata della Dis-Coll, il sussidio di disoccupazione a cui possono accedere i collaboratori senza partita iva iscritti in via esclusiva alla gestione separata.

Nell'ambito della Riforma del Mercato del Lavoro il Jobs Act ha introdotto, a partire dal 2015, una nuova indennità contro la disoccupazione destinata ai lavoratori parasubordinati denominata «Dis-coll».  Lo strumento ha sostituito la precedente indennità una tantum ed riguarda i collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto iscritti in via esclusiva alla gestione separata presso l’Inps, non pensionati e privi di partita Iva, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione. Non possono accedere al sostegno, pertanto, i liberi professionisti iscritti alla predetta gestione e, a seguito di una precisa indicazione del ministero del lavoro, neanche, i borsisti e i dottorandi di ricerca. Il contratto di collaborazione, inoltre, deve essere cessato involontariamente nel periodo che va dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre del 2016.

Per il diritto alla Dis-Coll occorre essere in possesso congiuntamente di due requisiti: a) stato di disoccupazione al momento della domanda; b) almeno tre mesi di contribuzione (calcolata rispetto al minimale della gestione) tra il gennaio dell'anno solare precedente l'anno dell'evento di disoccupazione e il giorno di disoccupazione. Con i riferimento ai contratti conclusi nell'anno 2016 la legge di stabilita' 2016, nello stabilire la proroga dell'ammortizzatore di un anno, sino al 31 dicembre 2016, ha abrogato il requisito contributivo/reddituale che chiedeva  la presenza di almeno un mese di contributi (sempre calcolati rispetto al minimale) nell'anno solare della disoccupazione o, in alternativa a questo requisito, o un rapporto di collaborazione di durata pari almeno a un mese nell'anno in cui si è verificata la disoccupazione che abbia dato luogo ad un reddito almeno pari alla metà dell'importo che dà diritto all'accredito di un mese di contribuzione (cioè 647,83 euro)

L’ammontare della Dis-Coll si ottiene sommando i compensi percepiti dal collaboratore intercorrenti tra il 1° gennaio dell'anno solare precedente all'evento di disoccupazione e l'evento di disoccupazione, dividendo il risultato per  un numero di mesi, o frazione di essi, corrispondente alla durata dei rapporti di collaborazione presenti nel periodo di riferimento come sopra individuato. Se l’importo che si ottiene è pari o inferiore a 1.195 euro, l’indennità sarà il 75% di questo importo; se è superiore si aggiunge anche il 25% della differenza. Si applica un massimale di 1.300 euro. La Dis-Coll diminuisce del 3% al mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di fruizione. Il beneficiario riceverà la Dis-Coll per un numero di mesi pari alla metà dei mesi di contribuzione accreditati nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno solare precedente l’evento di cessazione dal lavoro al predetto evento. Fermo restando un tetto massimo di 6 mesi.  

Per aiutare i lettori a districarsi in questa materia abbiamo quindi aggiornato il programma, qui sotto disponibile, che consente rapidamente di simulare l'importo e la durata del nuovo ammortizzatore sociale per i collaboratori iscritti alla gestione separata. L'utilizzo è abbastanza semplice in quanto è sufficiente inserire la data di cessazione del rapporto, il compenso percepito e la durata del rapporto di lavoro (in mesi) negli anni (2014, 2015 e 2016). Il programma determina automaticamente se sono rispettati i minimali richiesti dalla normativa e, quindi, la durata e l'importo complessivo del sostegno economico. Come per la Naspi gli interessati devono produrre domanda all'inps entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di collaborazione per avere diritto al sostegno. Ma per gli eventi occorsi tra il 1° gennaio 2016 ed il 5 maggio 2016 la domanda può essere prodotta entro il 12 luglio 2016 (Circolare Inps 74/2016).

Nel programma c'è anche la possibilità di "scomputare" i mesi di Dis-Coll parzialmente o totalmente fruiti riconducibili a periodi di lavoro svolti nel periodo di riferimento come sopra individuato. I periodi di lavoro che abbiano già dato luogo a prestazioni devono essere, infatti, sottratti ai soli fini della determinazione della durata del sostegno economico (Circolare Inps 84/2015).

Ad esempio se si sono avuti due contratti di collaborazione nel corso del 2016, entrambi di durata pari a tre mesi, il primo tra il 1° gennaio 2016 ed il 31 Marzo 2016, a cui poi ha fatto seguito una Dis-Coll di un mese e mezzo, e poi un altro tra il 1° maggio ed il 31 luglio 2016, ai fini del calcolo della seconda Dis-Coll, i periodi lavorati nel 2016 sono pari a 6 mesi ma bisognerà fare attenzione a sottrarre il valore 1,5 mesi relativo alla prestazione di Dis-Coll già fruita nella prima parte dell'anno. Con il risultato che la seconda Dis-Coll avrà una durata pari a 1,5 mesi. Se la prima Dis-Coll, invece, fosse stata fruita solo parzialmente, per un mese contro 1,5 mesi spettanti, bisognerà portare in scomputo solo un mese nel relativo campo. Ciò porterà ad una crescita della durata della seconda Dis-Coll che passerà così da 1,5 mesi a 2 mesi. In altri termini il "risparmio" sull'utilizzo della prima prestazione potrà essere utilizzato per la seconda prestazione. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre diecimila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici