Menu

Anche il Militare ha diritto alla pensione supplementareIn evidenza

Ho un grande dubbio su come procedere: sono un militare di 57 anni con oltre 37 anni di servizio (che con i periodi supervalutati diventano circa 40 anni).

 

Oltre all'estratto conto gestione dipendenti pubblici (relativi al servizio militare), sempre sul sito INPS c'è anche il mio estratto conto previdenziale con 4 mesi di lavoro prestato da marittimo su navi mercantili (le casse marittime sono ora gestite dall'INPS). Per me è necessario riunire il tutto perchè, da militare, se al 31.12.1995 avessi maturato almeno 15 anni di periodi utili a pensione avrei un calcolo più favorevole per quanto concerne la quota mista (40% della base pensionabile anzichè 30%). A quella data avevo complessivi 14 anni 11 mesi e 23 giorni. Quindi per 7 giorni non maturerei i requisiti. Sono quindi costretto a far valere anche i citati quattro mesi di lavoro precedentemente svolto da marittimo Per riunire il tutto, ai fini della maturazione del diritto alla pensione ed ai fini pensionistici cosa devo fare, tenuto conto che l'Ente previdenziale è lo stesso? Devo fare domanda di ricongiungimento, di cumulo, di totalizzazione? Nel mio caso è a titolo oneroso?

Il lettore dovrà procedere alla ricongiunzione dei contributi dall'assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti verso la gestione pubblica (art. 2 della legge 29/79) affinchè tali contributi siano valorizzati come se fossero sempre stati versati nella gestione accentrante. E dunque raggiungere l'aliquota di rendimento superiore come fissata dall'articolo 54 del DPR 1092/1973. L'operazione prevede il pagamento di un onere in termini di riserva matematica dato che gli anni da ricongiungere ricadono nel sistema retributivo; tuttavia data l'esiguità della contribuzione trasferita non dovrebbe risultare eccessivo. Il cumulo, per quanto gratuito, non appare percorribile dato che non consentirebbe di aumentare l'anzianità contributiva nella Cassa Stato ma darebbe luogo al pagamento di una pensione composta da due quote, una erogata dalla Cassa Stato e l'altra dall'assicurazione comune ciascuna sulla base dei relativi sistemi di calcolo e retribuzioni di riferimento. Inoltre allo stato attuale non è ancora stato chiarito in via ufficiale dall'Inps se ed in che termini i militari possano avvalersi del cumulo data la diversità della normativa previdenziale applicabile a tali soggetti. 

Ho 61 anni e sono titolare di pensione inps dal 2012, maturata col sistema retributivo nell'ambito del comparto sicurezza (41 anni di servizio). Poiché prima dell'arruolamento avevo lavorato nel settore dell'edilizia, recentemente, controllando alcuni miei vecchi documenti, ho trovato una comunicazione inviatami molto tempo fa dall'Inps, con la quale mi viene comunicato che presso il citato Ente sono presenti quattro anni di contributi versati a suo tempo dal datore di lavoro. Nella considerazione che detto periodo non è stato mai ricongiunto a quello che mi ha permesso di andare in pensione, gradirei conoscere se per tale periodo mi spetta qualcosa e se debbo presentare quale istanza. Il lettore può chiedere una pensione supplementare per la contribuzione versata nell'assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti al compimento dell'età pensionabile di vecchiaia prevista in tale gestione (67 anni dal 2019) ai sensi dell'articolo 5 della legge 1338/1962. Dunque la contribuzione versata non sarà persa. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici