Menu

Esodati, L'Inps aggiorna il report sull'ottava salvaguardia

Alla data del 5 Giugno risultano accolte poco più di 10mila domande su un totale di oltre 33mila domande pervenute. Critico il profilo relativo alla mobilità per il quale si registrano molte richieste respinte. 

Procedono le operazioni di certificazione per l'accesso all'ottava salvaguardia. Nel secondo report diffuso ieri dall'Inps, contenente i dati aggiornati al 5 giugno 2017, a fronte di un totale di 33.562 istanze pervenute sono state accolte ben 10.621 domande di cui 4.478 già inviate agli interessati mentre quelle giacenti sono ancora 8.961. Come dire che sino ad ora è stato impegnato circa un terzo della capienza complessiva disponibile (30.700 posti) e quand'anche tutte le domande giacenti fossero accolte risulterebbero posti in eccedenza. Resta comunque elevato il numero delle istanze respinte, pari a ben 13.980, di cui la maggior parte, ben 6.440, ricadenti nel profilo di tutela dedicato ai lavoratori collocati in mobilità o nello speciale trattamento edile. 

Come noto i profili di tutela sono cinque : mobilità, autorizzati alla prosecuzione volontaria dell'assicurazione, cessati dal servizio con accordi o senza con il datore di lavoro, in congedo straordinario per assistere figli con disabilità gravi, con contratto a tempo determinato. Complessivamente il profilo di tutela più problematico resta quello relativo ai lavoratori in mobilità ordinaria o che godono dello speciale trattamento edile (che da solo conteggia quasi la metà delle domande), similmente a quanto accaduto lo scorso anno in occasione della settima salvaguardia. Su 9.608 domande esaminate oltre il 67% (ben 6.440 istanze) è stato rigettato dall'istituto per mancanza dei requisiti e restano ancora da esaminare ancora 4.895 domande; insomma su questo profilo continuano a registrarsi diverse criticità. A pesare è in particolare l'errore di non aver concesso più tempo per la richiesta dell'autorizzazione ai versamenti volontari per il perfezionamento del requisito contributivo entro i tre anni dal termine della mobilità o del TSE. 

A tutti gli interessati in questo profilo è stata concessa, infatti, l'importante facoltà di maturare il requisito contributivo (es. i 35 o i 36 anni di contributi per il pensionamento con le quote o i vecchi 40 anni di contributi) anche attraverso il versamento dei contributi volontari con riferimento ai soli 36 mesi successivi al termine della fruizione dell'indennità di mobilità o dello speciale trattamento edile. L'agevolazione in questione, tuttavia, è stata rivolta esclusivamente verso i lavoratori già autorizzati ai versamenti volontari alla data del 1° gennaio 2017 (per i quali sono stati riaperti i termini scaduti per il versamento dei volontari relativi ai 36 mesi successivamente alla scadenza della mobilità o del TSE) o di coloro che abbiano presentato domanda di prosecuzione volontaria entro il 2 marzo 2017, data di scadenza del termine per la presentazione delle istanze di accesso al beneficio della salvaguardia. E' proprio questo uno dei problemi che sta determinando il rigetto di diverse istanze. Capita non di rado, infatti, che il lavoratore, anche a seguito di una scorretta informazione da parte dei patronati, abbia prodotto la domanda di salvaguardia senza aver contestualmente prodotto quella per la prosecuzione volontaria dell'assicurazione necessaria, come detto, per raggiungere il requisito contributivo entro i 36 mesi dalla scadenza dei predetti sostegni al reddito. Finendo per vedersi respinta la domanda. Su tale aspetto sarebbe utile concedere al lavoratore più tempo almeno per la produzione della richiesta dei versamenti volontari. 

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici