Menu
La carta sarà resa disponibile dai Comuni alle famiglie con almeno tre figli per gli sconti a servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici ed altro.

Tra le varie misure per il contrasto alla povertà la legge di stabilita' per il 2016 (articolo 1, comma 391 della legge 208/2015) ne ha prevista una in particolare in favore delle famiglie numerose. Si tratta della cosiddetta carta familiare destinata alle famiglie costituite da cittadini italiani o da cittadini stranieri regolarmente residenti sul territorio italiano, con almeno tre figli minori a carico.  

Per le modalità di rilascio della carta si attende(va) la pubblicazione di un decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali entro tre mesi dall'entrata in vigore della legge 208/2015, cioè entro lo scorso 1° Aprile. Decreto, tuttavia, che ancora non si è visto in Gazzetta. La Carta, a differenza della social card tradizionale, permetterà ai titolari di accedere solo a particolari sconti per l’acquisto di beni o servizi legati ad esempio alla istruzione o alla formazione ovvero a riduzioni tariffarie per i mezzi pubblici erogati da soggetti pubblici o privati che aderiscono all’iniziativa. Ad esempio sarà possibile fruire di un abbonamento per i trasporti pubblici ad un prezzo scontato rispetto alla tariffa standard oppure acquistare libri o materiale didattico, anche digitale, ad una tariffa agevolata. 

La carta sarà rilasciata alle famiglie che ne facciano richiesta direttamente dai comuni, previo pagamento degli interi costi di emissione, con i criteri e le modalità stabilite, sulla base dell'ISEE ed avrà una durata biennale dalla data di emissione. I comuni dovranno altresì attestare lo stato della famiglia al momento del rilascio. partner che concederanno sconti o riduzioni maggiori di quelli normalmente praticati sul mercato potranno valorizzare la loro partecipazione all'iniziativa a scopi promozionali e pubblicitari. La Carta famiglia nazionale sarà funzionale anche alla creazione di uno o più Gruppo di acquisto familiare (Gaf) o gruppi di acquisto solidale (Gas) nazionali, nonché alla fruizione dei biglietti famiglia ed abbonamenti famiglia per servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici ed altro; a tal fine verra’ istituito un sito istituzionale con l’elenco di tutti i soggetti convenzionati.

Attenzione, pertanto, a non confondere la novità con la carta acquisti ordinaria che, a differenza della Carta famiglia non è una carta-sconto, ma un sussidio di 40 Euro mensili, a carico dello Stato (ma i Comuni ed altri Enti pubblici possono ricaricarla di un maggiore importo) in favore dei soggetti con almeno 65 anni o genitori di bambini con meno di tre anni con la quale si possono non solo effettuare acquisti negli esercizi convenzionati, ma anche pagare le utenze domestiche. Nè va confusa con il nuovo SIA, il sostegno per l'inclusione attiva che sarà erogato a partire dal prossimo 2 settembre 2016.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Articoli Correlati

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici