Menu

E' il periodo che intercorre tra la maturazione del diritto alla pensione e l'effettiva riscossione dell'assegno pensionistico.

Finestra Mobile

Il dizionario di Pensioni Oggi

Le finestre mobili sono un periodo di slittamento variabile che deve trascorrere tra il momento di maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi utili per il diritto a pensione e la decorrenza effettiva del rateo previdenziale.

Sono considerate uno strumento per contenere la spesa che consiste nel differimento del pagamento della prestazione in un momento successivo a quello nel quale sono maturati i requisiti.

Le finestre mobili sono state introdotte con l'articolo 12 decreto legge 78/2010 convertito con la legge 122/2010. Questa disposizione, ai commi 1 e 2, ha previsto, che, a partire dal 2011, le pensioni di vecchiaia e di anzianità dovevano essere liquidate, per i lavoratori dipendenti, trascorsi 12 mesi dalla data di maturazione dei previsti requisiti e per i lavoratori autonomi e gli iscritti alla cd. gestione separata, trascorsi 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti. Si tratta quindi di un periodo "personalizzato" in quanto l'apertura della finestra dipende dalla data in cui il lavoratore ha raggiunto i requisiti per la pensione.

Le finestre mobili hanno sostituito il precedente regime di decorrenza, piu' favorevole, basato sulla cd. finestra di accesso fissa di cui alla legge 247/07.

Il sistema di decorrenza appena sommariamente descritto è venuto meno, ma solo parzialmente (come si dirà nelle successive pagine), in seguito all'entrata in vigore del Decreto Legge 201/2011 (Cd. Riforma Fornero).

Vediamo dunque in questa guida come funzionavano le finestre mobili sino al 2011, come funzionano dal 2012 e quali prestazioni, ancora oggi, sono soggette allo spostamento della decorrenza.


Torna in alto

Articoli Correlati

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici