× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Criterio di calcolo della pensione con computo nella Gestione Separata

16/11/2021 18:05#74752 da Over
Buonasera, provo a riproporre la domanda fatta in precedenza, nel caso ci sia qualcuno in grado di rispondere.
Se si accede alla pensione con computo nella gestione separata a 64 anni (con oltre 20 anni di contributi da lavoro dipendente e ulteriori contributi per lavoro parasubordinato), è prevista una finestra di 3 mesi?
Grazie

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

01/11/2021 09:40#74614 da Over
Buongiorno, ringrazio anche io Cochise per aver chiarito che con il computo la penalizzazione è “solo” nel passaggio dal regime misto a quello contributivo e non ci sono ulteriori effetti negativi legati al fatto che la liquidazione della pensione avviene nella gestione separata (come invece aveva fatto intendere un patronato).
Anche io penso che andare in pensione con il computo a 64 anni significa accedere a una pensione anticipata ma pure a me non risulta chiaro che significa applicare “la stessa finestra per i lavoratori autonomi con contribuzione dal 1996”. Forse vuol dire che la finestra è 3 mesi, ma lascio agli esperti del forum la conferma.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/10/2021 11:15#74594 da Domino

Domino, tutto corretto, in merito alla finestra non ho trovato indicazioni ma, per logica, trattandosi di pensione di vecchiaia non dovrebbe essere prevista.
 

Cochise, grazie per la conferma dei calcoli.
Riguardo ad una eventuale finestra per chi decide di andare in pensione con il computo a 64 anni (quindi credo sia una pensione anticipata) non ho trovato molte informazioni.

In un documento pubblicato da un’associazione di pensionati ho letto che “con il computo sono previste le stesse finestre per i lavoratori autonomi con contribuzione dal 1996, ove richieste in base alla tipologia di pensione” ma non mi è chiaro cosa si intende.

In un articolo di Pensionioggi è scritto che “con il computo si può conseguire la pensione di vecchiaia (a 67 anni con 20 di contributi oppure 71 anni con 5 di contributi) o la pensione anticipata (a 41 anni e 10 mesi per le donne con finestra di 3 mesi o 64 anni con 20 anni di contributi)” ma per l’ultima situazione, a 64 anni, non si fa riferimento a finestre, anche se pensavo che tutte le pensioni anticipate avessero una finestra.

Il computo nella gestione separata è una opzione di nicchia e quindi non è facile trovare molti dettagli ma sul dubbio della finestra con la pensione a 64 anni se anche altri utenti (Nicola54, Gianni 50, ecc.) possono intervenire ogni loro commento è gradito. 

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/10/2021 06:40#74591 da cochise
La penalizzazione consiste nel passaggio da calcolo misto (retributivo fino al 1995 e contributivo poi) a calcolo contributivo, solitamente penalizzante.
Quindi occorre valutare la differenza tra i due calcoli.
Nel caso citato da Domino la differenza è significativa (oltre 500 € mensili) ma è una scelta di vita.

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it
Ringraziano per il messaggio: Over

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/10/2021 06:34#74590 da cochise
Domino, tutto corretto, in merito alla finestra non ho trovato indicazioni ma, per logica, trattandosi di pensione di vecchiaia non dovrebbe essere prevista.

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/10/2021 17:46#74582 da Over
Buonasera, chiedo anche io un parere agli esperti del forum sulla pensione in computo.
Un mio familiare dovrà compiere 64 anni e dopo aver cessato un lavoro dipendente durato 21 anni ha avuto un contratto di collaborazione con contributi nella gestione separata per un breve periodo.
Inizialmente un patronato gli ha detto che avrebbe dovuto aspettare alcuni anni per la pensione, da richiedere con il cumulo e il sistema misto (avendo contributi prima del 1996) con le regole della legge Fornero per la pensione di vecchiaia oppure con la totalizzazione e il sistema contributivo ma dopo i 66 anni e con una finestra molto lunga.
Quando ha poi chiesto informazioni sulla pensione in computo il patronato gli ha risposto che non era da prendere in considerazione perché i contributi accreditati come lavoratore dipendente vengono trasferiti nella gestione separata con una notevole penalizzazione.
Leggendo questa discussione mi sembra invece che non è così e i contributi da dipendente concorrono all’importo della pensione come se fossero liquidati dal FPLD (come avviene nel cumulo) anche se in realtà la liquidazione della pensione avviene nella gestione separata.
Ho capito bene o c’è qualche forma di penalizzazione?
E l’assegno pensionistico si avrebbe al compimento dei 64 anni o è prevista una finestra?
Grazie

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati