Lo ha ribadito la Corte dei Conti del Trentino Alto Adige confermando l’orientamento giurisprudenziale secondo cui, a differenza di quanto sostiene l’INPS, per le pensioni da liquidare in regime di cumulo dei periodi assicurativi anche i contributi accreditati presso le casse professionali concorrono al raggiungimento dei 18 anni di contributi al 31.12.1995 ai fini della determinazione del sistema di calcolo applicabile (retributivo sino al 2011 e non sino al 1995).
Il dubbio di alcuni lettori: l’assegno funzionale, anche se pensionabile, non rientra nella base pensionabile e non può usufruire della maggiorazione del 18%.
Il dubbio di molti lettori allettati dalla prospettiva di un'attività autonoma dopo la conclusione di un rapporto di lavoro dipendente. Anche se non è stata maturata la pensione i nuovi contributi, ancorché esigui, non ridurranno le quote di pensione maturate.
Un vademecum utile dopo le ultime sentenze della giurisprudenza che hanno rinvigorito il principio secondo il quale gli ultimi anni a stipendio ridotto non possono svalutare la quota retributiva dell'assegno.
La risposta ai principali dubbi delle lavoratrici interessate a sfruttare lo scivolo prorogato di un anno con la recente legge di bilancio.
Recepito dall'Inps l'aumento dell'1,9% all'inflazione. E’ quindi possibile calcolare con esattezza una pensione con decorrenza 2022. I coefficienti servono per rivalutare le retribuzioni per la determinazione della base annua pensionabile delle anzianità anteriori al 31.12.1995 (31.12.2011 per chi ha 18 anni di contribuzione al 31.12.1995)
Pagina 1 di 21
© 2022 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. Tutti i diritti riservati