L'INPS avvia l'iter di sospensione e revoca delle prestazioni assistenziali nei confronti dei beneficiari che non hanno effettuato le comunicazioni reddituali per gli anni 2017 e seguenti.
Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. È irragionevole che lo Stato valuti un soggetto meritevole di accedere a tale modalità di detenzione e lo privi dei mezzi per vivere, quando questi sono ottenibili solo dalle prestazioni assistenziali.
All'invalido non può essere negata la trasformazione in assegno sociale nel caso in cui all'età per la vecchiaia abbia perfezionato tutti i requisiti costitutivi e presentato la domanda amministrativa.
Da ieri in vigore le nuove regole per ridurre l'erogazione di prestazioni non dovute ai cittadini che non si presentano alla visita di revisione.
Nuova funzionalità INPS per semplificare la procedura amministrativa in sinergia con le Asl. I chiarimenti in un documento dell'Ente di Previdenza.
Lo ha precisato la Corte di Cassazione respingendo la richiesta di un pensionato. Se non c'è domanda niente maggiorazione sociale.
Pagina 1 di 21
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.