× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

gestione separata INPS

15/10/2016 19:32#31801 da Nicola54
Risposta da Nicola54 al topic gestione separata INPS
Ingegnere Ubaldo Fanton,
lei scrive:
‘’Chiedo la ricongiunzione ad Inarcassa dei contributi versati dalla Fondazione ad INPS dal 2012 ad oggi, quasi 19.000,00 euro che mi viene negata’’.
_________________________________________________________
L’articolo 1, secondo comma della legge n. 45/1990, consente al libero professionista che sia stato iscritto a forme obbligatorie di previdenza per i lavoratori dipendenti o per i lavoratori autonomi, la facoltà di ricongiungere tutti i periodi di contribuzione versati presso queste forme, nella gestione in cui risulta iscritto in qualità di libero professionista. Ma la facoltà è attribuita ai liberi professionisti prima della liquidazione della pensione. Probabilmente Inarcassa le respinge la richiesta di ricongiunzione perché lei sta percependo attualmente una pensione.

Poi scrive:
‘’Chiedo ad INPS la restituzione dei contributi in quanto non sono né dipendente, né co.co.co e mi viene anch'essa negata’’.
________________________________________________________
Ma l’INPS non le restituirà mai i contributi che ha versato. Riguardo alla possibilità di percepire la pensione supplementare di cui all'articolo 5 della legge 1338/1962 per quei suoi anni di contributi versati all’INPS, quando come nel suo caso, la pensione principale è pagata da una Cassa di previdenza dei professionisti, la pensione aggiuntiva sui suoi anni versati come lavoratore dipendente non può essere conseguita. Non può neanche usufruire del supplemento di pensione perché questa prestazione si configura come un incremento della pensione liquidato, a domanda, sulla base di contribuzione relativa a periodi successivi alla data di decorrenza della pensione medesima.Ma nel suo caso non si tratterebbe di una pensione medesima perché una è erogata dall'INARCASSA ed un'altra dall'INPS.

Non consideri questa risposta come certa, ma la verifichi nelle sedi competenti e mi informi su eventuali discordanze.
Le conviene comunque attendere possibili ulteriori modifiche sulla ricongiunzione.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma
Ringraziano per il messaggio: Ubimaior

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

14/10/2016 17:55#31766 da Ubimaior
gestione separata INPS è stato creato da Ubimaior
Buongiorno, scrivo per la prima volta nel forum sperando di avere un chiarimento definitivo che invano ho ricercato presso vari Enti.
Mi presento : sono un ingegnere libero professionista di 66 anni di Treviso; dal 1976 esercito esclusivamente la Libera Professione, con partita Iva, ed iscritto alla Cassa di Previdenza Ingegneri-architetti da pari data, con contributi regolarmente versati.
Nel 2012 sono stato chiamato a far parte del Consiglio di Indirizzo e Programmazione di una Fondazione bancaria; le riunioni sono circa bimestrali, gli argomenti sono di carattere sociale, culturale e di promozione del territorio; è prevista la corresponsione di un gettone di presenza per ogni riunione (in media 10 riunioni /anno) che vengono corrisposti semestralmente.
Nel 2015 dopo 38 anni di contribuzione chiedo la pensione ad Inarcassa; mi viene risposto che ho si maturato il diritto alla pensione ma anche che vengo immeditamente cancellato da Inarcassa in quanto da verifica effettuata dagli uffici, svolgo attività da dipendente avendo versamenti all'inps dalla Fondazione. Vengo anche aspramente accusato dalla mia Cassa di aver commesso un "reato" non avendo segnalato la cosa.
Protesto di persona a Roma con la mia Cassa in quanto ritengo sia l'affermazione che la concellazione d'ufficio un sopruso bello e buono ed un palese errore. Non c'è nulla da fare vengo cancellato dal gennaio 2015 da Inarcassa; mi viene corrisposta la pensione che era regolarmente maturata, ma se voglio contiunuare la mia professione devo versare ad INPS con tutto quanto consegue. Reclamo dicendo che l'incarico in Fondazione è a carattere fiduciario ed a scadenza temporale.
Chiedo la ricongiunzione ad Inarcassa dei contributi versati dalla Fondazione ad INPS dal 2012 ad oggi, quasi 19.000,00 euro che mi viene negata; chiedo ad INPS la restituzione dei contributi in quanto non sono nè dipendente, nè co.co.co e mi viene anch'essa negata; chiedo allora la corresponsione della pensione Inps e mi viene detto che non ho i requisiti, che forse la potrò ottenere non ho ben capito quando e con un importo ridicolo e vergognoso dell'ordine di circa 60,00 euro mese. (ad oggi con versamenti effettuati di oltre 20.000,00 €).
Tralascio il mio stato d'animo nei confronti della mia cassa di previdenza alla cui esistenza ho contribuito con prosusione e ppongo il quesito.
E' possibile un ricorso in primis ad Inarcassa per un palese errore di interprertazione e la negazione della evidenza dimostrata in varie R.R.R alla Dirteziomne della stessa Cassa ? E' pensabile un ricorso anche ad INPS per indebito appropriamento di contributi versati e di cui non posso fruire se non dopo contribuzione ventennale e con cifre offensive ?
Perchè devo versare, se continuo ad esercitare solo la Libera Professine ad Inps il 27% rispetto alla Cassa che richiede il 14% se non potrò raggiungere la pensione ?
C'è un modo per venire a capo di questa assurda circostanza che i due Enti Preevidenziali hanno messo in piedi?
Mi scuso per la lunghezza
Grazie per la cortrese risposta che conto mi possa essere di aiuto per regolarmi di conseguenza.
Distinti saluti.
dr. ing. Ubaldo Fanton

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.