× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Facoltà di computo nella gestione separata

17/02/2017 18:40#35172 da Nicola54
Risposta da Nicola54 al topic Facoltà di computo nella gestione separata
Romado,
questi i requisiti:
1) 66 anni e 7 mesi e 20 anni di contributi a condizione che l'assegno risulti non inferiore a 1,5 volte l'assegno sociale;
2) 70 anni e 7 mesi unitamente ad almeno 5 anni di contribuzione effettiva;
3) pensione anticipata con: 1) 42 anni e 10 mesi di contributi (41 anni e 10 mesi le donne) indipendentemente dall'età anagrafica;
4) 63 anni e 7 mesi di età e 20 anni di contributi effettivi a condizione che l'importo pensionistico sia superiore a 2,8 volte l'importo dell'assegno sociale.

La circolare 184 del 18.11.2015 nel paragrafo 5.1.2 prevede che nel caso in cui i requisiti per l'esercizio del computo, siano perfezionati anteriormente alla data del 31 dicembre 2011 si applicano i requisiti precedenti. Ma il requisito anagrafico per gli uomini alla data del 31 dicembre 2011 è di 65 anni unitamente a 5 anni di contribuzione effettiva, oppure 40 anni di contributi indipendentemente dall'età anagrafica, ovvero quota 96.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/02/2017 15:50#35154 da romado
Risposta da romado al topic Facoltà di computo nella gestione separata
Sig Nicola buongiorno,
Vorrei disturbarla per un ulteriore chiarimento relativo alla sua risposta del giorno 15.12.2016 ore 6,30.
Lei affermava che per ottenere la pensione con il computo nella gestione separata occorrono 20 anni di contributi, una età di 63 anni e 7 mesi. e un assegno di circa 1300 euro.
Però nella circolare 184 del 18.11.2015 nel paragrafo " 5.1.2. Salvaguardia previgenti requisiti " si afferma che L' importo della pensione non può essere inferiore a 1,2 volte l'assegno sociale. Forse questa clausola non è valida per me? Attendo un suo chiarimento e nel ringraziarla la salutò cordialmente.---
P.s. Bisogna rispettare qualche finestra?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/12/2016 17:56#33463 da romado
Risposta da romado al topic Facoltà di computo nella gestione separata
signor Nicola buonasera.
Mi scusi se la tormento ancora, ma spulciando su internet ho trovato questo link del patronato INCA di Bergamo: www.cgil.bergamo.it/INCA/images/incainfo...cembre%20%202015.pdf
Ovviamente non sono in grado di capire se è attendibile. Però, trattando l'argomento
" COMPUTO NELLA GESTIONE SEPARATA " , fa riferimento alla circolare INPS 184 del 18.11.2015 e quindi più recente rispetto al DM 282/1996. Non vorrei che questa circolare abbia cambiato i termini della questione.---- Vorrei farle notare 2 cose ( sempre che io abbia capito bene):
1- mi sembra che - per la pensione di vecchiaia- siano cambiati i requisiti sia per quanto riguarda l'età che per l'importo dell'assegno;
2- fa riferimento ad una salvaguardia di requisiti previgenti ( che io non sono in grado di interpretare)
allego due spezzoni del link ( si legge meglio consultando il link su elencato; lo si trova facilmente cercando " DM 282/1996 2,8 volte" :

Pensione di vecchiaia e pensione
anticipata in gestione separata
Agli iscritti nella gestione separata che
maturino, a decorrere dal 1 gennaio 2012, i
requisiti per l’esercizio della facoltà di
computo, trovano applicazione i normali
requisiti previsti, dalla legge 214/2011, per i
soggetti rientranti nel sistema contributivo
(contribuzione dal 1.1.1996).
Richiesta la cessazione da lavoro
dipendente alla data di decorrenza della
pensione che è dal primo giorno del mese
successivo a quello in cui tutti i requisiti sono
maturati
Per la pensione di vecchiaia sono richiesti
 20 anni di contribuzione
 Età (al 2015)di 66 e 3 mesi per i
lavoratori dipendenti e autonomi, 63 e 9
mesi per le lavoratrici private e 64 e 9
mesi per le autonome. ---- a quale di queste categorie appartengo io? --
 Maturazione di un importo di pensione
pari o superiore a 1,5 volte l’importo
dell’assegno sociale (quello più elevato
tra importo al 2012 con rivalutazione e
importo alla data di decorrenza della
pensione in computo).
..........................................................
I Requisiti previgenti sono salvaguardati
Gli assicurati in possesso al 31.12.2011, sia
dei requisiti per il computo che dei
previgenti requisiti per l’accesso alla
pensione, mantengono il diritto alla
pensione in gestione separata in computo
con i requisiti previgenti, alla 214/2011,
previsti per il sistema contributivo puro
(pensione di vecchiaia).
Requisiti per l’esercizio dell’opzione al
sistema di calcolo contributivo
Requisiti per la salvaguardia
Data maturazione 31.12.2011
Requisito contributivo 15 anni di cui almeno 5 nel
sistema contributivo
Requisito importo
età inferiore a 65
anni di età,
L’importo della pensione
non deve essere inferiore a
1,2 volte l’assegno sociale
La finestra 12 mesi
So di chiederle troppo ma per me è vitale avere le idee chiare.
La ringrazio se vorrà dare un'occhiata e farmi sapere con calma. Tantissimi saluti

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/12/2016 16:46#33457 da romado
Risposta da romado al topic Facoltà di computo nella gestione separata
Signor Nicola la ringrazio per la sua cortese risposta.
Purtroppo il mio assegno pensionistico non raggiunge l'importo di 1300 €
( equivalente a 2,8 volte l'importo dell'assegno sociale). Oltretutto mi sembra un importo elevato per contribuzioni da gestione separata.
Voorrei chiederle un'ultima cortesia: in quale legge è stabilito il parametro " 2,8 volte " perché non ne trovo traccia nel DM 282/1996.
La ringrazio infinitamente e la salutò cordialmente.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/12/2016 06:30#33303 da Nicola54
Risposta da Nicola54 al topic Facoltà di computo nella gestione separata
Romado,

la risposta si ritiene positiva alla condizione che il suo assegno pensionistico, calcolato con il metodo contributivo, sia pari ad almeno 2,8 volte l’importo dell’assegno sociale, cioè poco meno di euro 1.300 al mese.

L’art. 3 del D.M n. 282/1996, permette a coloro che, come lei, siano iscritti alla Gestione Separata ed abbiano contributi presso il FPLD di totalizzare tutti i contributi ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico all’età di 63 anni e 7 mesi con il calcolo interamente contributivo anche per il periodo lavorativo ante 1995.
Le è possibile perché lei ha meno di 18 ani di contributi ante 1995 e nello stesso tempo ha almeno 5 anni di contributi dopo il 31 dicembre 1995 e sommando contributi FPLD e Gestione Separata ha almeno 20 anni di contributi.
Se ha bisogno di altre informazioni questa mattina sarò al patronato.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

14/12/2016 09:30#33278 da romado
Buongiorno a tutti,
Sono nata a giugno 1952 e vorrei cortesemente sapere se posso esercitare la facoltà di computo nella gestione separata come da DM 282/1996 e circ. iNPS
108/2002. Ho 17 anni e 4 settimane di contributi FPLD (versati prima del 31/12/1995) e 6 anni e 9 mesi di contributi nella gestione separata e vorrei avere la pensione calcolata ( per tutti i contributi) con il metodo contributivo.
Grazie a chi vorrà cortesemente rispondermi e salutoni

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.