× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Che valore hanno i tre anni di contributi riconosciuti da INPS per i fondi speciali FS, ENEL, ecc.?

19/04/2017 10:02#36440 da look
Grazie Pablito per la tua indicazione,
nel caso specifico, trattato nel link segnalato da te, si fa riferimento a maggiorazioni riconosciute a chi svolge un ruolo più impegnativo di altri; quanto evidenziato da me è riconosciuto a tutti indistintamente.
Ho chiesto aiuto perché ho avuto difficoltà a trovare delle norme che regolano la procedura inserita nel conteggio pensionistico, in INPS si limitano a dire che i conteggi sono automatici...

Se hai occasione di venirne a capo renderesti un servizio a migliaia di persone (tutti coloro che hanno iniziato l'attività lavorativa entro il 1995, con minor vantaggio per gli ultimi rispetto ai primi) e quindi ti ringrazio anticipatamente anche per conto loro.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/04/2017 08:21#36436 da cochise
Look, al riguardo non ho trovato un documento inps che confermasse quanto affermato nella nota che allego, ma trattandosi di un sindacato di categoria dovrebbe essere affidabile e quindi le maggiorazioni in questione dovrebbero valere sia al calcolo che al diritto


www.giovanifittoscana.it/chiarimenti-per...rativa-personale-fs/

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/04/2017 20:10#36429 da look
Buonasera, chiedo un aiuto illuminato circa la questione dei tre anni di maggiori contributi riconosciuti dall'INPS a determinati fondi, nel mio caso FS. Come noto, nel conteggiare i primi dieci anni di servizio al canonico 2% annuo viene aggiunto uno 0.6% per un totale del 6% che corrisponde ad aumento di tre anni di servizio (che permetteva a questi dipendenti di andare in pensione a 37 anni anziché 40 e beneficiare comunque di una percentuale stipendiale dell' 80%). Utilizzando il programma INPS CARPE-PC questi anni risultano chiaramente nel conteggio della quota A, quindi a chi ha maturato, per esempio, 15 anni fino al 1991, viene riconosciuta una percentuale del 36% (15x2=30; 0,6x10=6; 30+6=36).
Ora la domanda che ci agita il riposo notturno è: questi tre anni che l'INPS ci riconosce spontaneamente, sono validi per raggiungere la quota di 42 anni e 10 mesi per la pensione anticipata? Ovvero per semplificarla al massimo: un dipendente che ha iniziato l'attività il 2/1/1977 e che ad oggi 18/4/2017 vanta un'anzianità contributiva di 40 anni e tre mesi può andare in pensione fra 3 anni e 7 mesi (quando matura 42 anni e 10 mesi) o fra 7 mesi considerando i tre anni che l'INPS riconosce tramite quella maggiorazione del 6%?
Vi ringrazio anticipatamente anche a nome dei tanti colleghi che si trovano in questa (forse) zona grigia.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.