× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

DIRITTI ACQUISITI CHE ANDRANNO A FARSI BENEDIRE DOPO LA FORNERO ECCO DI MAIO

20/07/2018 19:26 - 20/07/2018 19:27#54713 da Side
Quello che più preoccupa è quanto ipotizzato per le future generazioni.
Ma ci rendiamo conto quanto noi di ormai "altra generazione" abbiamo sofferto per mettere insieme 41/42 anni di contribuzione ???
E quando mai i giovani al giorno d'oggi con quei lavoretti a tempo determinato metteranno insieme tale montante contributivo, pensando che un fresco laureato magari è impiegato in un call-center a 500/600 euro mese ?
Quale prospettiva dovrebbero augurarsi i nostri figli/nipoti ?....Quella di una misera e sofferta vecchiaia !
Questa ad oggi la nuda e cruda realtà purtroppo...
un saluto a tutti per un futuro (speriamo) migliore.

The dark "Side" of the moon

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/07/2018 19:24 - 20/07/2018 19:25#54712 da cochise
Un saluto al caro Giorgione che non leggevo da tempo.
In merito alla problematica, in un paese dove non si taroccano i numeri consapevolmente o inconsapevolmente, si analizzerebbero i dati e si darebbero delle risposte univoche correlate alle disponibilità economiche.
In realtà nell'itaglia caratterizzata dai numeri inps ad capocchiam, non si avranno mai delle manovre mirate.
Otto salvaguardie e sei anni non hanno insegnato nulla e le banche dati fanno acqua da tutte le parti.
P.S. e non commento in merito a chi dovrebbe utilizzarle........o' fridd ncuoll ( per i non Apache Partenopei...il freddo addosso)

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/07/2018 19:04#54710 da giorgione
In realtà il concetto di migliorativa dipende molto dai punti di vista. Se non confermeranno l'ape sociale dal 2019 ci saranno platee di svantaggiati. Dunque per alcuni può essere migliorativa (64 e 36) per altri forse no. Un disoccupato che oggi conta sull'ape sociale con 63 e 30 di contributi dal 2019 cosa farà? Dovrà attendere 67 anni per prendere la pensione?

L'impressione è quella di una coperta troppo corta.

Tutto dipende da quello che vorranno fare. Prematuro o no è bene che se ne parli in modo che si prenda consapevolezza di quello che stanno partorendo nelle stanze dei ministeri. Settembre non è poi così lontano.

Collaboro con il patronato INAS di Padova

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/07/2018 15:17#54706 da Nicola54
Gino,
l'articolo scritto da Bernardo Diaz è scritto in modo poco chiaro.
Anche perché alla data attuale non sappiamo con certezza quali siano i requisiti per la quota 100 o per i 41 anni e 5 mesi(alcuni scrivono 42) di contributi.
Quello che è certo è che se viene attuata quota 100, questa non può che essere migliorativa rispetto alla legge Fornero. Altrimenti non si farebbe e resta tutto invariato.
Il lavoratore che alla data attuale ha 64 anni e 36 di contributi avrebbe decorrenza pensionistica con tre anni di anticipo.
Non si comprende né come si possano danneggiare le categorie più deboli, né quali siano le categorie a rischio.
Il lavoratore che ha almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, probabilmente avrebbe l'assegno decurtato perché dal 1 gennaio 1996 al 31 dicembre 2011 avrebbe un calcolo contributivo. Ma credo sia libero di scegliere tra la possibilità di optare per quota 100 o andare in pensione a 67 anni circa come da legge Fornero ed avere il calcolo più favorevole.
Articolo prematuro...

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/07/2018 13:58#54703 da gino50
Questo è il piattino che ci sta preparando la Lega e il M5S sulla nuova riforma delle pensioni dal 1 gennaio 2019 tutti i nuovi pensionati avranno il ricalcolo della pensione con il sistema misto ( anche se erano nel retributivo... ) una perdita secca di 150-200 euro al mese !! Bel colpo dopo... come spesso accade dalla padella alla brace....

Quota 100, I lavoratori attendono i dettagli. Ecco cosa potrebbe accadere
Venerdì, 20 Luglio 2018 12:45
Scritto da Bernardo Diaz
dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Entro la fine dell'anno il Governo dovrà trovare una sintesi tra le diverse proposte in campo per riformare la Legge Fornero. Senza danneggiare le categorie più deboli.

Categorie a rischio

Tutti coloro che non hanno maturato il diritto a pensione con le regole attuali al momento in cui entrerà in vigore la Riforma (es. 1° gennaio 2019) saranno potenzialmente esposti alle nuove regole. Chi ha cessato il lavoro ed è in attesa di raggiungere l'età pensionabile può farsi autorizzare alla prosecuzione volontaria dell'assicurazione IVS dall'Inps. Nella malaugurata ipotesi in cui le nuove regole risultino peggiorative di quelle attuali (è difficile) il possesso dell'autorizzazione ai vv potrà essere di aiuto a rimettere in carreggiata le regole attuali con nuove salvaguardie pensionistiche al pari di quanto accaduto in occasione dell'ultima Riforma. Chi ha già raggiunto il diritto a pensione ancorchè non abbia ancora fatto domanda di pensione resterà soggetto alle regole attuali (cristallizzazione del diritto a pensione).
[/i]

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.