× Benvenuti nei Forum di Pensioni Oggi!

Dì a noi e ai nostri soci chi sei, cosa ti piace e perché sei diventato un membro di questo forum. Diamo il benvenuto a tutti i nuovi iscritti e speriamo di vederti in giro!

Neutralizzazione contributiva

23/03/2014 15:39#393 da giorgione
Risposta da giorgione al topic Neutralizzazione contributiva
Ciao Renato,

ci fa prima di tutto molto piacere averti nel forum. Anzi spero che tu possa intervenire piu' spesso anche per dare un aiuto agli altri utenti.

La problematica che sollevi è molto interessante e, in breve, posso confermare che, da alcuni confronti che ci sono stati con le sedi territoriali, l'Inps consente la neutralizzazione di questi buchi contributivi (derivanti evidentemente da contribuzione figurativa). Insomma si può lavorare, chi ha la fortuna di poterlo fare, per recuperare il vuoto.

E proprio un paio di settimane fa l'inps ha risposto affermativamente ad un quesito analogo posto da un pensionando.

Ufficialmente però non mi pare che sia stata pubblicata una direttiva. Pertanto non tutti gli operatori del settore sono a conoscenza di questa possibiltà (ed eventuali limiti). Mi auguro anche io che sia piu' chiarezza sul punto da parte dell'Inps.

Collaboro con il patronato INAS di Padova

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2014 10:17#392 da renatofa
Neutralizzazione contributiva è stato creato da renatofa
Sono un normale cittadino Italiano, pensionato da tempo, ultrasessantenne Marchigiano - lo so che non gioca molto a mio favore, ma resto Marchigiano.
Sono un appassionato di normative inerenti le pensioni e cerco di informarmi costantemente, ovviamente non sono preparato come gli esperti del forum ma penso di cavarmela.
Colgo l'occasione per porre in evidenza un fenomeno, secondo me poco conosciuto, che sicuramente in passato è stato trattato, ed è la neutralizzazione contributiva.
Cerco di spiegarmi meglio evidenziando che Il D.L. n° 216/2011 all’ art.6 comma 2-quater che modifica il comma 10 dell’art.24 della legge 214/2011 oltre a stabilire che le penalizzazioni sono previste per coloro che hanno decorrenza pensionistica successiva al 31 dicembre 2017; infatti ad oggi è possibile "recuperare" eventuali periodi contributivi - non derivanti espressamente da attività lavorativa - di cui la natura non elimina la penalizzazione a chi ha meno dei 62 anni di età.
Continuando a svolgere un'attività lavorativa, ovviamente avendone la possibilità, almeno pari ai periodi dei contributi che farebbero scattare la penalizzazione, neutralizzano di fatto tali contribuzioni precedenti non compresi nel famoso elenco: malattia, servizio militare, CIGO, Maternità obbligatoria e per ultimo le donazioni sangue ed i permessi inerenti la 104/92.
Faccio presente che allo stato attuale, per quanto a mia conoscenza l'INPS non ha aggiornato il programma centrale per la liquidazione definita delle pensioni con simili "recuperi".
Insisto perchè direttamente ho avuto più di una esperienza dove le persone si sono rivolte agli organi preposti facendo una semplice domanda: quando posso andare in pensione?
Ovviamente la risposta è stata corretta ma non sempre completa perchè è vero che è stata fornita la data certa ma non l'importo della penalizzazione, che magari era innescata da un pregresso periodo di breve durata ma determinante per l'effetto economico molto negativo, vita natural durante.
Un saluto a tutti
renato

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.