× In questo forum discutiamo di tutto quello che riguarda il mondo del lavoro e la sua regolamentazione.

legge 104

18/07/2015 21:36#18511 da cldvlp65
Risposta da cldvlp65 al topic legge 104
La ringrazio della risposta , diciamo che potrei rientrare forse nella categoria dei lavori usuranti è ancora riconosciuta come categoria ma non comporta nessun beneficio dalla riforma Fornero, ho molti anni di contributi perché ho iniziato a lavorare presto, ma secondo l'inps secondo il motore di calcolo voluto da Tito Boeri dovrei lavorare per 46 anni per un assegno pari al 66,7% lordo oppure arrivare a 69 anni e 4 mesi di età per percepire un assegno pari al 95% . Speravo di trovare nel frattempo una soluzione come la 104 che la psichiatra mi assicura che otterrei, ma il rischio di perdere la patente è alto. Grazie della risposta

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/07/2015 19:22#18508 da giorgione
Risposta da giorgione al topic legge 104
Cldvp ti rispondo io. Non sono in grado di dare una risposta esaustiva a problemi così gravi. Posso solo limitarmi a evidenziare due cose: 1) verificare se ci sono le condizioni per entrare nella normativa dei lavori usuranti che consente di anticipare l'età pensionabile di alcuni anni rispetto alla Norma Fornero; 2) ricordare che a fine anno ci potrebbero essere novità in termini di maggiore flessibilità in uscita.

Insomma bisogna essere fiduciosi

Collaboro con il patronato INAS di Padova

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/07/2015 10:53#18500 da cldvlp65
legge 104 è stato creato da cldvlp65
Buon giorno , 15 anni fa lavoravo in una fonderia per ghise special come manutentore elettrico ed elettronico , in seguito alla chiusura dello stabilimento, accettai una nuova collocazione in un'altra azienda, le difficoltà di adattamento si fecero subito sentire per il pressapochismo di quel ambiente che non sto ad elencare. vivevo già una forte depressine perché dall'inizio della decisione della chiusura della fonderia alla chiusura vera propria, ma in seguito alla decisione della nuova azienda di collocarmi in cassaintegrazione con prospettive di rientro con ruoli di demansionamento il giorno prima di compiere 37 anni tentai il suicidio in fabbrica tramite impiccagione. Dopo la riabilitazione mai completamente avvenuta perché nuovi fronti spiacevoli come la riforma pensionistica Fornero che mi costringerà al lavoro per 46 anni, con il Job act che mi blocca a restare in quel ambiente per non perdere l'articolo 18 e ora che l'azienda impone a noi tecnici della manutenzione turni durissimi quali sono i 20 turni cioè cicli da 4 giorni di lavoro e uno di riposo su tre turni (notte compresa) resta un week end libero ogni 8 settimane. La mia spichiatra e spicologa mi consiglia vivamente di prendere giorni di mutua, e o prendere la 104. Il problema è caro Avvocato è la patente, temo di perderla (per le medicine che prendo che non provocano sonnolenza in quanto sono stabilizzatori dell'umore) se faccio richiesta della 104 alla commissione medica (ho la patente C + cqc), al di là della vergogna che proverei mi renderebbe la vita impossibile, lavoro a 10K m dal lavoro senza servizi non c'è una pista ciclabile ora che con i venti turni lavoro anche di domenica, la spichiatra mi ha detto dipende molto da chi c'è alla commissione medica, ma io non voglio rischiare anche perché si tratta di una revoca vera propria. Io e i miei colleghi l'abbiamo presa molto male con questa storia dei venti turni anche perché eravamo in 22 per squadra e ora per lavorare anche alla domenica siamo rimasti in 15 e non ce la facciamo più). grazie sig. Avvocato per una eventuale risposta.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.