× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

NASPI - diritto a riceverla in caso di licenziamento con successiva conciliazione e risoluzione consensuale

22/01/2021 17:18#72165 da peppe60

Pongo il seguente quesito sperando che qualcuno abbia vissuto la mia stessa esperienza e abbia la risposta.
Dipendente licenziato per giusta causa.
Per evitare contenzioso il dipendente e l'azienda si accordano per revocare il licenziamento e per risolvere consensualmente il rapporto di lavoro.
Il tutto avviene in sede protetta (con la presenza dei sindacati).
Il verbale di conciliazione cita espressamente il licenziamento, la revoca e la risoluzione consensuale.
La comunicazione dell'azienda a INPS sulla cessazione del rapporto di lavoro riporta come causale "risoluzione consensuale".
Vorrei sapere se, avendo perso il lavoro non per propria volontà, il lavoratore può acceder alla NASPI.
Evidentemente non sto chiedendo una risposta scolastica (senza causale licenziamento INPS risponderebbe che non cìè diritto alla NASPI).
Sto cercando di sapere se qualcuno è riuscito ad ottenere la NASPI in una simile situazione.
Grazie a tutti


Si io mi sono accordato con l' azienda per un un esodo incentivato. Ho firmato le diissioni e l' accordo con l' azienda presso l' ufficio territoriale del lavoro, presenti un sindacalista per il lavoratore ed uno per il datore di lavoro poi ho fatto richiesta e ricevuto l' ASPI (all' epoca non era ancora NASPI) senza problemi.


Puoi chiarirmi per favore.
L'azienda ha mantenuto il licenziamento e tu hai rinunciato ad impugnarlo in cambio di un corrispettivo economico? Se così non è il mio caso.
Oppure l'azienda ha rinunciato al licenziamento ed hai risolto consensualmente? questo sarebbe il mio caso. In tal caso qual'è stata la causale della cessazione del rapporto di lavoro comunicata dall'azienda a INPS?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/01/2021 12:04#72154 da RicPensio

Pongo il seguente quesito sperando che qualcuno abbia vissuto la mia stessa esperienza e abbia la risposta.
Dipendente licenziato per giusta causa.
Per evitare contenzioso il dipendente e l'azienda si accordano per revocare il licenziamento e per risolvere consensualmente il rapporto di lavoro.
Il tutto avviene in sede protetta (con la presenza dei sindacati).
Il verbale di conciliazione cita espressamente il licenziamento, la revoca e la risoluzione consensuale.
La comunicazione dell'azienda a INPS sulla cessazione del rapporto di lavoro riporta come causale "risoluzione consensuale".
Vorrei sapere se, avendo perso il lavoro non per propria volontà, il lavoratore può acceder alla NASPI.
Evidentemente non sto chiedendo una risposta scolastica (senza causale licenziamento INPS risponderebbe che non cìè diritto alla NASPI).
Sto cercando di sapere se qualcuno è riuscito ad ottenere la NASPI in una simile situazione.
Grazie a tutti


Si io mi sono accordato con l' azienda per un un esodo incentivato. Ho firmato le diissioni e l' accordo con l' azienda presso l' ufficio territoriale del lavoro, presenti un sindacalista per il lavoratore ed uno per il datore di lavoro poi ho fatto richiesta e ricevuto l' ASPI (all' epoca non era ancora NASPI) senza problemi.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/01/2021 20:17#72128 da peppe60
Non è il mio caso.
Il mio è un caso che non è contemplato esplicitamente dalle circolari INPS. O meglio, sarebbe escluso.
Sto cercando di scoprire se qualcuno che ha fatto il mio stesso percorso è per caso riuscito a farcela comunque.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/01/2021 19:41#72126 da Nicola54
Se vuole una risposta corretta deve leggere bene la Circolare INPS n. 111 del 29 settembre 2020 al par 2).
In particolare le copio e incollo l'ultimo periodo che la dovrebbe interessare:
"A tale ultimo riguardo, si fa presente che i lavoratori che cessano il rapporto di lavoro a seguito di accordo collettivo aziendale stipulato dalle organizzazioni sindacali e che ha ad oggetto un incentivo alla risoluzione del rapporto di lavoro medesimo sono tenuti, in sede di presentazione della domanda di indennità NASpI, ad allegare l’accordo collettivo aziendale di cui sopra e la documentazione attestante l’adesione al predetto accordo da parte del lavoratore interessato, al fine di potere accedere alla prestazione di disoccupazione NASpI".
_________________________________________________________
Per quanto scrive secondo la mia interpretazione dovrebbe aver diritto alla NASPI.Bene inteso la risposta è da verificare nelle competenti sedi.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/01/2021 17:17#72120 da peppe60
conciliazione in sede sindacale, ai sensi e per gli effetti dell’art. 2113, 4° com-ma c.c. e degli artt. 410, 411, 3° comma e 412–ter c.p.c., come modificati dal-la legge 11 agosto 1973, n. 533 e della legge 4 novembre 2010, n. 183

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/01/2021 17:05#72118 da robyberto

non ci sono nel documento riferimenti agli articoli di Legge da te menzionati


Neanche riferimenti ad altre leggi/articoli?

Io sto con Border

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.