× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Liquidazione

28/05/2016 21:59#28052 da Handy
Risposta da Handy al topic Liquidazione
Grazie, Antonella.
La tua informazione riguarda piuttosto mia moglie.
Io la pensione ce l'ho da qualche annetto.......
E la liquidazione l'ho avuta praticamente
alla mia cessazione dal lavoro......Altri tempi.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/05/2016 21:52#28051 da antonella788
Risposta da antonella788 al topic Liquidazione
Handy,
ritengo che tu rientri nel termine dei 24 mesi dalla data del tuo pensionamento, quindi dal 1 gennaio 2018 + tre mesi, quindi 1 aprile 2018. Questo in base alla circolare 73 dell'inps del 5 giugno 2014 e in base al messaggio 8680 dell'Inps del 12-11-2014.
Avresti cioè la liquidazione 8 mesi prima di quanto sarebbe avvenuto senza la salvaguardia.

Chiedo anche ai moderatori del forum un aiuto per noi che ci troviamo in questa situazione, perché la situazione economica italiana è purtroppo precaria e se il ritardo fosse di qualche anno (forse bastano anche alcuni mesi) può esporci al rischio di veder sensibilmente ridotto il valore della nostra liquidazione (senza contare i problemi che potrebbe avere chi ne avesse bisogno prima).

Antonella

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/05/2016 20:24#28049 da Handy
Risposta da Handy al topic Liquidazione
Antonella.
Grazie per la tua lunga spiegazione, per me (anima semplice.....) non del tutto chiara.
Faccio un esempio pratico : parliamo di una salvaguardata insegnante statale classe 1954. Con la Fornero sarebbe regolarmente andata in pensione anticipata il 1 settembre 2016 (42 anni di contributi).
In realtà' con la sesta salvaguardia è' potuta cessare il 31 dicembre 2015, con riscossione pensione dal 1/1/2016, ben 8 mesi prima !!!
Quando potrà' percepire la liquidazione ? Non interessano leggi direttive commi eccetera. Interessa una DATA. Grazie.

Post Scriptum .
Resta poi sempre da capire il perché' di questa discriminazione con tutti gli altri lavoratori privati, che percepiscono la liquidazione in tempi brevissimi , praticamente con la corresponsione contestuale ,o subito dopo , delle ultime retribuzioni.
Perché' i lavoratori statali, invece , tanti mesi dopo(due dodici ventiquattro o trentasei non ha importanza) ? Non c' e' nessun magistrato che si voglia occupare di una pinzillacchera come questa, vergognosamente anticostituzionale ?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/05/2016 18:36 - 28/05/2016 19:34#28045 da antonella788
Risposta da antonella788 al topic Liquidazione
Cari amici,
resto dell'idea che il messaggio inps 8680 del 12-11-2014 fosse a nostro favore, anche se forse qualcuno vorrebbe pagarci mooolto più tardi. Ma per difenderci dobbiamo farci coraggio e analizzare il linguaggio burocratico delle leggi, tutti noi, perché solo se faremo questo sforzo potremo opporre delle giuste ragioni.

Cercherò quindi di esporre i vari punti del messaggio 8680:
Il messaggio ha per oggetto i termini di pagamento del TFS e TFR ai dipendenti pubblici interessati alle salvaguardie., in risposta, dice, a quesiti che sono pervenuti all'INPS.

Il secondo capoverso, che inizia con "a tale proposito", dice che intende chiarire tali termini, ma esclude da quanto dirà il personale in esubero della Pubblica amministrazione, per il quale si deve fare riferimento alla circolare 79 del 23 giugno 2014 (cioè quella che dice che i termini di pagamento della liquidazione fanno riferimento alla data di pensionamento post legge Fornero). (Quindi questa è una bella notizia per noi, perché dice che non rientriamo nella circolare 79).

Poi dice che per i salvaguardati si deve seguire la normativa vigente in materia. Fa però due eccezioni, che sono in realtà migliorative per chi ci rientra. In particolare la seconda eccezione, che cita l'art. 1 comma 485 della legge 147 del 27 dicembre 2013 dice, a favore di chi ha maturato i requisiti entro il 31-12-2013, che la prima rata della liquidazione, per costoro, sarà di 90000 euro e non 50000. (C'è però da tener conto che forse (spero di no) i requisiti si intendono maturati compresa la finestra, che fu introdotta infatti prima della legge Fornero).

Dice che il regime generale vale sia per i salvaguardati che hanno fruito di un periodo di esonero, che per chi ha usufruito del congedo per assistenza a congiunti hd o dei permessi della 104. E precisa che questo regime generale è definito dall'art. 3 del decreto legge 28 marzo 79, il quale parla, ho verificato, di 24 mesi di attesa per i nostri casi. Aggiunge che "conseguentemente" si devono seguire le istruzioni diramate con la circolare 73 del 5 giugno 2014 (e questa è la buona notizia; infatti la circolare 73 dice):

"Termine di 24 mesi

La prestazione non può essere liquidata e messa in pagamento prima di 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro, quando questa è avvenuta per cause diverse da quelle sopra richiamate (cioè inabilità, raggiungimento limite età, ecc), anche nell’ipotesi in cui non sia stato maturato il diritto a pensione.
Tra queste cause si ricordano in particolare:
le dimissioni volontarie, con o senza diritto a pensione anticipata;
il recesso da parte del datore di lavoro (licenziamento, destituzione dall’impiego etc.).
Nei casi rientranti nel termine in esame la gestione dipendenti pubblici non può procedere alla liquidazione e al pagamento della prestazione, ovvero della prima rata di questa, prima che siano decorsi 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro. Scaduto il termine l’istituto deve mettere in pagamento la prestazione entro 3 mesi. Decorsi questi due periodi (complessivamente pari a 27 mesi) sono dovuti gli interessi."
.
Fa anche un esempio, ovviamente riferendosi ai salvaguardati (infatti il messaggio 8680 si riferisce ai salvaguardati), e dice che "se la cessazione del rapporto di lavoro e la maturazione del diritto a pensione sono intervenuti prima del raggiungimento del limite di età ordinamentale, la prestazione non può essere messa in pagamento prima di 24 mesi".

Scusate se sono stata prolissa, ma si tratta di cose per noi molto importanti e dobbiamo farci valere, se no rischiamo molto.

Un saluto a tutti e una precisazione: sui giornali e su internet e su questo sito è sempre stata data la presente interpretazione del messaggio 8680, a noi favorevole, non dobbiamo farci riportare indietro.

Antonella

Questo messaggio ha un file allegato.
Accedi o registrati per visualizzarlo.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/05/2016 09:40#28040 da Nicola54
Risposta da Nicola54 al topic Liquidazione
Per Gigi53,
tu scrivi,
‘’Nell'occasione ho chiesto quando mi sarebbe stata corrisposta la liquidazione. Con mia sorpresa mi hanno detto che per noi salvaguardati i 24 mesi + 3 mesi per il pagamento della liquidazione e/o TFS , decorreranno dalla data in cui si matureranno i requisiti anagrafici o contributivi previsti dalla legge Fornero, e cioè 67 e sei mesi di età oppure 42 anni e sei mesi di contribuzione’’.
____________________________________________________________

Se leggi il mio messaggio rivolto alla signora Antonella del 24 maggio 2016 alle ore 19.52 la mia risposta è quasi simile.Anche se non sono completamente d’accordo che vada presa a riferimento solo la decorrenza post Fornero.
Quello che è certo è che i dipendenti pubblici in soprannumero che accedono al trattamento pensionistico in deroga alla riforma Fornero non percepiranno il TFS dopo 6 o 12 o 24 mesi a partire dalla data della loro decorrenza pensionistica in deroga, ma a partire da quella teorica post Fornero. Mettendo a confronto le due date anche in relazione al compimento dell’età anagrafica ordinamentale fissata per i dipendenti pubblici a 65 anni(cfr. Circolare INPS n. 79 del 23 giugno 2014). Fin qui abbiamo parlato dei dipendenti pubblici in soprannumero.
Veniamo ai salvaguardati come te. Giusta la replica della signora Antonella che cita a riferimento il messaggio INPS 8680/2014.
Ma dal momento che il messaggio indicato, recita:
‘’Ciò in quanto la salvaguardia disposta dal citato decreto legge 201/2011 e da successive norme per particolari categorie di lavoratori, consistendo nella conservazione delle regole di accesso alla pensione precedenti il 6 dicembre 2011 (data di entrata in vigore della riforma Monti Fornero), non ha alcun effetto diretto sui termini e le modalità di pagamento dei trattamenti di fine servizio e fine rapporto ’’.
Io la interpreto nel senso che l’anticipo della decorrenza pensionistica non anticipi la salvaguardia.
Non sono sicuro, però che questa mia risposta sia corretta. Spero, ovviamente nel vostro interesse, che sia corretta quella della signora Antonella.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/05/2016 21:54#28036 da Handy
Risposta da Handy al topic Liquidazione
Giorgione aiuto !
Recanati Mara e gigi53 hanno ragione :
Si taglia a fette la confusione !
Urge fare il punto della situazione, senza citare leggi e commi. Se possibile con parole semplici ! Grazie .

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.