× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Ex commerciante

23/02/2017 08:37#35341 da arca23
Risposta da arca23 al topic Ex commerciante
Mi scuso e Le chiedo ancora se, vista la mia situazione, rientro nella casistica di cui si parla nell'articolo " integrazione al minimo.
In particolare mi riferisco alle "maggiorazioni" come riportato in calce,
Grazie infinite,
Arcangelo

-Le maggiorazioni. In questa sede, per completezza, pare utile ricordare che l'ordinamento riconosce anche ulteriori sostegni nei confronti delle pensioni di importo basso oltre all'integrazione al minimo. Si tratta della cd. maggiorazione sociale che può portare una quota aggiuntiva pari a 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni. In favore degli ultra 70enni c'è poi la possibilità di ottenere il cd. incremento al milione che porta in dote ai pensionati una quota di 136,44 euro (si veda la tavola sottostante per un approfondimento) garantendo, nell'ipotesi migliore, al pensionato un reddito mensile di 638,33 euro per 13 mesi. Per il conseguimento di tali maggiorazioni il pensionato deve rispettare, però, condizioni reddituali assai più stringenti rispetto a quelle valutate in sede di concessione del trattamento minimo (in particolare ai fini delle maggiorazioni sociali entrano in gioco anche i redditi esenti da Irpef e la stessa pensione oggetto della maggiorazione con la sola esclusione delle indennità di accompagnamento). Pertanto, non è detto che il titolare di una pensione integrata al minimo possa necessariamente conseguire le predette maggiorazioni (qui la tavola con le rilevanze reddituali).

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/02/2017 08:20#35340 da arca23
Risposta da arca23 al topic Ex commerciante
Grazie mille Nicola per la velocissima risposta,
avendo un nucleo familiare composto da moglie senza redditi, figlia disoccupata e separata, nipotina 5 anni, suocera che, almeno lei, ha una pensione di 700 euro mensili, più un ass. di accompagnamento in quanto disabile, di € 500 ca.
dovrei avere tutti i requisiti per l'integrazione e l'assegno familiare, mi corregga se sbaglio.
A questo punto le chiedo cortesemente se posso già fare le domande subito o se devo aspettare che mi sia comunicata la liquidazione definitiva, visto che quella giuntami è "provvisoria".
Un'ultima domanda, mia moglie avrà raggiunto l'età per la pensione sociale all'inizio dell'anno prossimo. Cosa succede ? l'integrazione al minimo mi par di capire che non dovrei perderla e l'assegno familiare?
Grazie ancora per la disponibilità.
Cordiali saluti
Arcangelo


Arca,
il comma 1b dell'art. 6 della legge n. 638 del 11 novembre 1983 prevede che l'integrazione al trattamento minimo, pari nel 2017 ad euro 501,89, spetti a coloro che siano coniugati, non legalmente ed effettivamente separati, che abbiano redditi cumulati con quelli del coniuge per un importo superiore a tre volte il trattamento minimo medesimo.
Con leggi successive il limite è 4 volte il trattamento minimo.
Quindi se il suo reddito cumulato con quello di sua moglie non supera circa 26.000 euro annui e quello suo personale non supera circa 13.000 € avrà diritto all'integrazione al trattamento minimo.

Poi chiede:
''Sono sposato ma nel prospetto inviatomi non v'è traccia di assegni familiari, ci dovrebbero essere?''.
__________________________________________________________

I componenti del nucleo familiare debbono essere almeno 3 per aver diritto ad un asseggno mensile che dal 1 luglio 2016 al 30 giugno 2017 è di
€ 137,50.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/02/2017 06:51#35338 da Nicola54
Risposta da Nicola54 al topic Ex commerciante
Arca,
il comma 1b dell'art. 6 della legge n. 638 del 11 novembre 1983 prevede che l'integrazione al trattamento minimo, pari nel 2017 ad euro 501,89, spetti a coloro che siano coniugati, non legalmente ed effettivamente separati, che abbiano redditi cumulati con quelli del coniuge per un importo superiore a tre volte il trattamento minimo medesimo.
Con leggi successive il limite è 4 volte il trattamento minimo.
Quindi se il suo reddito cumulato con quello di sua moglie non supera circa 26.000 euro annui e quello suo personale non supera circa 13.000 € avrà diritto all'integrazione al trattamento minimo.

Poi chiede:
''Sono sposato ma nel prospetto inviatomi non v'è traccia di assegni familiari, ci dovrebbero essere?''.
__________________________________________________________

I componenti del nucleo familiare debbono essere almeno 3 per aver diritto ad un asseggno mensile che dal 1 luglio 2016 al 30 giugno 2017 è di
€ 137,50.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/02/2017 16:30#35322 da arca23
Ex commerciante è stato creato da arca23
Salve,
dunque, sono nato nel giugno del '50, ho fatto il commerciante e l'artigiano per anni ma non ho molti contributi versati, in totale 21,75 anni.
Vado quindi in pensione ( grazie alla Fornero ) questo Febbraio.
Secondo i calcoli, non definitivi, con i miei versamenti avrò diritto ad una pensione di 475 euro...
praticamente di poco superiore alla sociale.
Non ho altri redditi in famiglia perciò vorrei sapere se sono idoneo per richiedere una qualche forma di integrazione.
Sono sposato ma nel prospetto inviatomi non v'è traccia di assegni familiari, ci dovrebbero essere?
Grazie mille per una risposta.
Arca23

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.