× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

contributi mancanti preavviso licenziamento

04/01/2018 11:52#46980 da vigan
Delia,
Riguardo i contributi mancanti per il preavviso di licenziamento, volevo chiedere un altro particolare, facendo riferimento al post inviato su questa discussione.
Ho eseguito una ulteriore verifica e mi risulta che il mio datore di lavoro in realtà mi ha accorpato la quota di mancato preavviso nei 6 contributi delle giornate lavorate regolarmente a gennaio e parte di febbraio 1979, invece di aggiungere 4 settimane di contributi dovute alla retribuzione del mancato preavviso. In questo modo avrei avuto 10 settimane coperte dai contributi.
In pratica, posso comunque fare correggere la situazione, visto che (pare) non posso riscattare le 4 settimane, in quanto in un certo modo, anche se errato, il datore di lavoro ha versato la quota di contribuzione? Grazie

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/12/2017 11:25#46804 da vigan
La ringrazio per la pronta risposta. Fortunatamente ho conservato i documenti salienti e ho preso un appuntamento tra qualche giorno all' ufficio INPS di competenza, per esporre la questione direttamente al responsabile del settore, e poi credo, per le pratiche, dovrò essere seguita dal patronato. Cordiali saluti.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/12/2017 08:24#46795 da Nicola54
Risposta da Nicola54 al topic contributi mancanti preavviso licenziamento
Vigan,
la risposta si ritiene positiva.
Il comma 5 dell'art. 13 della legge n. 1338/1962 prevede che l lavoratore, quando non possa ottenere dal datore di lavoro la costituzione di una rendita vitalizia, possa egli stesso sostituirsi al datore di lavoro,ma alla condizione che fornisca all'Istituto nazionale della previdenza sociale le prove del rapporto di lavoro e della retribuzione per quel periodo in cui il datore di lavoro ha omesso di versare contributi.
Lei deve produrre dei documenti oggettivi dell'esistenza del rapporto di lavoro per il periodo in cui è stata sprovvista di contributi.
Una sentenza della Corte Costituzionale ha stabilito che questa possa essere dimostrata con ogni mezzo, quindi con documenti certi come libretto di lavoro busta paga lettera di assunzione, ma anche attraverso testimoni, quando il richiedente non è in possesso di tutti i documenti necessari.
Cordialità.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma
Ringraziano per il messaggio: vigan

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/12/2017 22:21#46791 da vigan
Delia, 57 anni, ex impiegata dipendente industria privata. A seguito di alcune verifiche effettuate dopo il primo quesito postato la settimana scorsa, Vorrei cortesemente esporre quanto segue:
Ho iniziato a lavorare a 17 anni, quindi sono una lavoratrice precoce. Ho avuto nei primi anni di lavoro alcuni mesi di discontinuità lavorativa.
Andrò in pensione con il sistema misto retributivo/contributivo ad aprile 2020 (42 anni e 2 mesi), o se accettata la richiesta, dopo 41 anni e 5 mesi, quindi verso metà 2019.
Dal momento che per sole due settimane di contribuzione non riesco a rientrare nel più vantaggioso sistema retributivo, e per combinazione, le stesse due settimane mi mancano per raggiungere i 41 anni di contributi per avere la pensione come lavoratrice precoce a fine 2018, ho eseguito una più attenta ricerca sui vecchi cedolini, e ho posto l’ attenzione riguardo il licenziamento avvenuto dopo circa un anno e 6 mesi del mio primo lavoro in una impresa artigiana. Dal 01/09/1977 al 31/05/1978 come apprendista impiegata e dal 01/06/1978 al 09/02/1979 come impiegata. Ho una breve lettera del datore di lavoro nella quale è scritto quanto segue: “ …Con la presente si comunica che a far data dal 12/02/1979 c.m. inizierà il regolare preavviso di licenziamento motivato dalla precaria situazione aziendale… ”.
In realtà il termine del mio lavoro è avvenuto il 09/02/1979 (fine giornata), quindi con un mancato preavviso.
Ho ancora conservato il cedolino dello stipendio, nel quale risulta pagato un mese di mancato preavviso. Nella situazione contributiva, compreso l’ ecocert mancano però queste 4 settimane di contributi. Io suppongo che mancano 4 settimane, dal momento che appunto mi era stato pagato un mese di mancato preavviso.
Chiedo cortesemente se è possibile pagare tali contributi ora, in modo volontario, se l’ INPS mi conferma la mancanza. Così facendo potrò avere la pensione totalmente retributiva e magari avere la possibilità di sfruttare i 41 anni per andare in pensione a fine 2018. Ringrazio per la risposta.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.