× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

l'indennita di preavviso ai fini della pensione

30/11/2017 22:24 - 30/11/2017 22:25#45346 da cochise
Purtroppo non potrò dare una risposta esaustiva anche perchè ho provato a leggere la circolare 263/1997, ma è un poema.
Comunque riporto quanto mi suggerisce la mia esperienza di calcoli.
1) Di sicuro le quote 13 esima e 14 esima, almeno quelle relative al periodo temporale 01/01/2015-:-31/05/2015, dovevano essere ricomprese nel calcolo perchè afferenti alla retribuzione maturata prima della decorrenza pensionistica.
Quindi il fatto che non siano state implementate nel calcolo ha determinato una riduzione sia della quota retributiva (sia A, riferita all'ultimo lustro, che B riferita all'ultimo decennio), sia della quota contributiva, quest'ultima in maniera ovviamente molto meno significativa rispetto a quella retributiva.
2) ho dei dubbi con riguardo alla indennità di mancato preavviso perchè riferita a periodo temporale successivo all'erogazione pensione e relativo calcolo.
Per poter capire se il mancato preavviso ed i ratei di 13 esima e 14 esima siano stati versati con flussi uniemens distinti, basterebbe analizzare, nel menù "servizi" la "posizione annuale da lavoro dipendente dal 2005" (basta digitare le prime due parole per trovare il "servizio").
se hai difficoltà scrivimi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., in tal modo potrò anche quantificare il danno subito.

Per quanto riguarda il punto 1 , il mio suggerimento è di provare a fare richiesta di ricostituzione per motivi contributivi, richiedendo appunto di implementare nel calcolo i ratei di 13 esima e 14 esima.
Devo fare osservare però che sarebbe necessario completare l'iter amministrativo entro i tre anni dalla data riportata sul modello TE08 di liquidazione, perchè occorre agire legalmente appunto entro i tre anni.
L'iter amministrativo prevede:
domanda di ricostituzione e, in assenza risposta entro 120 giorni, procedere a ricorso ( da farsi sempre on line come la domanda di ricostituzione), trascorsi 90 giorni da quest'ultimo si può agire legalmente.
Quindi, se inps non dovesse rispondere ne alla domanda di ricostituzione , ne al ricorso , i 7 mesi ci porterebbero oltre la data di liquidazione, a meno che la pensione non sia stata liquidata in ritardo (fa fede la data del mod TE08).
Io proverei comunque a fare domanda di ricostituzione perchè magari a questa o al ricorso inps potrebbe rispondere, anche con una reiezione, e quindi si rientrerebbe nei tempi.
In ogni caso prima della decadenza triennale io proporrei comunque azione legale, sentito il parere di un legale esperto in materia, perchè un conto è vedersi ricostituire la pensione un conto è ricevere il contentino del supplemento che considererebbe le retribuzioni aggiuntive solo dal punto di vista contributivo, senza andare a rimodulare la quota retributiva che , certamente , porterebbe a benefici ben maggiori.
Per quanto riguarda il discorso supplemento lo si potrà richiedere o dopo 5 anni dalla decorrenza pensione oppure dopo soli due anni ma solo se si è raggiunto il limite anagrafico di 67 anni , e non è questo il caso, quindi eventuale supplemento da luglio 2020

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/11/2017 18:17#45328 da Nicola54
Per coloro che hanno provato a telefonarmi,domani venerdì 1 dicembre sarò presente al patronato e contattabile al numero sotto indicato.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/11/2017 15:57#45314 da Nicola54
...quindi può chiedere il supplemento o a giugno 2020, o anche qualche mese prima se prima compie i 67 anni.
Pablito, sei d'accordo?

Cordialità.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/11/2017 13:48#45300 da robertogiu
Risposta da robertogiu al topic l'indennita di preavviso ai fini della pensione
dal 1 giugno 2015

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/11/2017 11:47#45293 da cochise
Mi inserisco nella discussione per chiedere quale è stata la decorrenza pensione.

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/11/2017 11:37#45291 da robertogiu
Risposta da robertogiu al topic l'indennita di preavviso ai fini della pensione
Buongiorno, e grazie per la risposta,
premesso che sono nato nel 1953 e quindi stante a quello che lei mi dice essendo gia' passati 2 anni da quando sono andato in pensione potrei fare la domanda di supplemento.
Ma la mia domanda è perché deve essere considerato un supplemento ed eventualmente aspettare 2 o 5 anni per poter avere ciò che spetta?
Il periodo di preavviso non è stato lavorato ma solo pagato e il rapporto di lavoro si è interrotto a fine maggio 2015.
Sembra che chi ha fatto la domanda di pensione a giugno gli sia stato riconosciuto tutto.
Inoltre la circolare INPS n.263 del 24 dic. 1997 dice che:
" l'indennità sostitutiva del preavviso deve essere aggiunta ai fini del calcolo dei contributi, all'ultimo periodo di paga, ma attribuita, ai fini dell'accredito dei contributi assicurativi a favore del lavoratore, al periodo cui essa si riferisce."
Cosa devo fare adesso?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.