× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Ape social risposta negativa per mancanza dello status di disoccupato.

20/07/2018 11:09#54700 da tore54
Gentilissimo Nicola 54, scusami se approfitto della tua bonta'.
Ho provato a contattarti al numero che mi avevi trasmesso, ma senza successo.Come mi avevi suggerito, mi sono recato alla sede inps di Trento per chiedere spiegazioni circa il trasferimento della pratica a Bolzano e la risposta, e' stata .....problematiche di lavorazione interna e, invitato a rivolgermi alla sede di Bolzano; cosa che ho regolarmente fatto ieri l'altro. Il funzionario gentilissimo, mi ha detto papale papale che lo non avevo lo status di disoccupato inquanto la sede inps di zona cioe' Cavalese, si e' sbagliata a riconoscermi la naspi.
Praticamente, hanno considerato le 52 settimane utili alla fine di percepire la naspi utilizzando i contributi ipost. Alla fine, non so se per intimorirmi, mi ha fatto capire che, non solo che non ho il requisito di disoccupato ma che, molto probalbilmente, facendo ricorso dovrei restituire tutta la naspi percepita in questi 16 mesi, circa 16.000 euro.
a conferma di quanto detto verbalmente,ha tirato fuori una circ. inps la nr. 123 del 2000.
Le poste, dal 2011 sono state trasformate in S.P.A., quindi secondo te, si e' sbagliata la sede di Cavalese o Bolzano ad interpetrare quella circolare. Ringraziandoti ancora per la tua disponibila' ti abbraccio fraternamente.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/07/2018 14:56#54679 da Nicola54
Rosa,
coloro che richiedono la prestazione dell'Ape Social se hanno concluso l'ultimo rapporto di lavoro a tempo determinato debbono verificare se questo sia stato di durata inferiore o superiore a sei mesi.
Se inferiore ai sei mesi, ai sensi e per gli effetti del messaggio INPS n. 4195 del 2017, questo contratto dovrebbe essere ininfluente perché, non determinando il venir meno dello stato di disoccupazione, si interpreta come ''neutro''.
Quindi se il richiedente ha concluso un contratto a tempo indeterminato, ha percepito l'indennità di disoccupazione sia essa ASPI, NASPI, ASDI o mobilità, sono trascorsi tre mesi senza reddito, poi segue un'occupazione a tempo determinato inferiore a sei mesi ha diritto alla prestazione dell'APE Social, anche, a mio avviso, se quell'ultimo contratto ha generato nuova indennità di disoccupazione.
Se invece quei contratti a tempo determinato, successivi a quello indeterminato, sono superiori ai sei mesi, ai sensi e per gli effetti della Circolare INPS n. 34/2018 par 2) è necessario un'altro requisito, cioè che nei trentasei mesi precedenti la cessazione del rapporto, siano presenti periodi di lavoro dipendente per almeno diciotto mesi.
Mi chiami la settimana prossima al patronato.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma
Ringraziano per il messaggio: Rosa57

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/07/2018 23:46#54674 da Rosa57
Buonaser Sig Nicola mio marito ha presentato domanda x I requisiti il 16 febbraio il 15 giugno purtroppo é stata respinta perche aveva percepito naspi dopo il contratto a tempo e dinon avere I 18 mesi nei trentasei mesi.la sua situazione lavorativa in questo periodo é disoccupato .È stato licenziato il 30 marzo del 2013 usufrui dell aspi fino al 30 aprile 2014 ad agosto fino al 30 settembre precisamente x 8 settimane ha lavorato con contratto a tempo determinato senza usufruire dell aspi.Nel 2015 da giugno fino al 30 settembre precisamente x 15 settimane ha lavorato con contratto a tempo determinato percependo questa volta della naspi da ottobre 2015 fino a meta aprile x 180 giorni perche si tornava indietro di 4 anni .Spero che mi dia una rispista la ringrazio anticipatamente

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/07/2018 19:18#54594 da Nicola54
Tore,
dovrebbe precisare se la risoluzione consensuale con cui si è concluso il suo rapporto di lavoro si è attuata nell’ambito della procedura dell’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604.
Dovrebbe anche conferamre se in seguito al licenziamento ha percepito indennità di disoccupazione.
Per quanto riguarda l'assegno ordinario di invalidità si ha diritto a questa prestazione se sono soddisfatti i seguenti requisiti:
1)percentuale di invalidità pari almeno al 67%;
2)5 anni di contributi;
3)tre anni di contributi nel quinquennio che precde la domanda;
4)non percezione di altre prestazioni pensionistiche.

Mi faccia sapere, eventualmente domani mattina mi trova in ufficio al numero 06/2285278.

Collaboro con patronato INCA CGIL a Roma

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/07/2018 11:52#54591 da tore54
NICOLA 54 BUONGIORNO, IN RIF. ALLA DOMANDA DEL MOTIVO DELLA FINE DEL MIO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO : E' STATO RISOLTO IN MODO CONSENSUALE. TIENI PRESENTE CHE HO PRESENTATO DOMANDA DI INABILITA' CHE PUNTUALMENTE E' STATA RIGETTATA PERCHE' RICONOSCIUTO INVALIDO AL 68%.
SALUTI E BUONA GIORNATA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

14/07/2018 22:07#54586 da Rosa57
Mio marito ha presentato la domanda x I requisiti il 16 febbraio 2018 il diniego il 15 giugno mio marito e stato licenziato nel 2013 a marzo percepi aspi x un anno nel 2015 ha lavorato a tempo determinato x 15 settimane poi percepi naspi il suo stato occupazionale non e mai stato interrotto o sospeso poi non ha piu lavorato

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.