Menu

Riforme: Cambia il Titolo V. Governo sotto, passa emendamento Sel

- Roma, 6 ago. - Giornata di lavoro intenso al Senato per le votazioni degli emendamenti al ddl Boschi. Dopo il voto sulle firme per richiedere il referendum, riportato a 500 mila, e il via libera dell'Aula sulla soppressione delle Province, il governo Renzi cade su un emendamento di Sel che introduce nella costituzione la competenza delle Regioni sulle materie che riguardano la rappresenetanza in Parlamento delle minoranze linguistriche. Sono stati 140 i voti a favore e 135 i contrari. Il voto era a scrutinio segreto.

Finocchiaro, emendamento su minoranze illogico

"Quello passato con voto segreto e' un emendamento privo di contenuto che ridicolizza chi lo ha presentato e chi lo ha votato. Non a caso e' stato chiesto il voto segreto". Lo afferma il vicepresidente dei senatori del PD Giorgio Tonini che cosi' continua: "Attribuire alle Regioni la competenza esclusiva in materia di minoranze linguistiche in Parlamento e un nonsense giuridico. Proporre e votare un emendamento cosi' e' un ridicolo sfregio", conclude Tonini. Sono stati dieci senatori della Lega a chiedere il voto segreto sull'emendamento proposto da Sel e che riguarda la competenza delle minoranze linguistiche. "Quando i senatori sono liberi di votare senza il capogruppo che li minaccia, votano e votano bene", e' il commento del capogruppo del Carroccio al Senato Gian Marco Centinaio.

Cambia il Titolo V, via legislazione concorrente

Polemiche da parte della Lega Nord per quanto riguarda la competenza in materia ambientale. "Vergognoso scippo alle Regioni da parte della maggioranza e delle altre pseudoopposizioni". Cosi' Paolo Arrigoni, capogruppo per la Lega Nord in commissione ambiente, commenta l'approvazione dell'emendamento alle riforme all'esame dell'Aula di Palazzo Madama. "Solo la Lega Nord, il gruppo delle autonomie e pochi altri questa sera in Aula hanno votato contro l'emendamento della relatrice Anna Finocchiaro che ha centralizzato, riportando tutte le competenze in capo allo Stato" su l'ambiente e l'ecosistema, aggiunge. "Il testo uscito dalla commissione prevedeva che la promozione e la valorizzazione anche per i beni culturali e paesaggistici fosse competenza regionale. Siamo tornati al peggior statalismo. Vergogna", aggiunge. "L'emendamento della relatrice Anna Finocchiaro che riporta i beni culturali e l'ambiente sotto la competenza dello Stato e' una dichiarazione di guerra alla Lega". Lo sottolinea il capogruppo al Senato, Gian Marco Centinaio. "Ci riserviamo di decidere sul voto finale alle Riforme", aggiunge.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici