× Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

Gestione Commercianti e Quota 100

13/12/2020 10:01#71610 da Gian58
Risposta da Gian58 al topic Gestione Commercianti e Quota 100
Cochise e Domino: Grazie! Passo subito a studiare l'altra discussione.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/12/2020 19:56#71609 da Domino
Risposta da Domino al topic Gestione Commercianti e Quota 100
Ciao Gian58, provo a risponderti, viste anche le minacce di Cochise che, come fan di Tex, passa subito alle vie di fatto e non vorrei dovermi difendere con la scure (essendo fan di Zagor) per salvare il mio scalpo.

Quello che avevo pubblicato nel mio ultimo post in questa discussione ho poi deciso di ampliarlo e integrarlo con molti altri dettagli creando la discussione:

www.pensionioggi.it/forum/pensioni/10659...ps-e-programma-carpe

Se usi questo link troverai nel post iniziale (particolarmente lungo e da leggere con attenzione) e nei post successivi una serie di informazioni che oltre a rispondere alle tue domande ti forniscono vari suggerimenti su come procedere.

Posso comunque dirti che, in teoria, sarebbe sufficiente versare un solo trimestre di contributi e, una volta accreditato, hai la possibilità di fare la domanda di riscatto laurea. Ma nella realtà non basta un trimestre e non solo a causa delle tempistiche INPS ma anche per le comunicazioni tra il Registro Imprese e l’INPS. Io, facendo domanda per diventare artigiano a gennaio, ho dovuto versare due rate e a metà luglio ho avuto l’accredito del riscatto laurea.

Ma è fondamentale tenere a mente che l’INPS può evadere la domanda di riscatto solo se trova i contributi accreditati fino a al mese in cui è stata presentata la domanda.
Ovviamente le tempistiche dipendono anche dalle sedi territoriali (INPS e Registro Imprese).
Il mio suggerimento è di “studiare bene” dall’inizio la discussione che ti ho indicato e fare le tue valutazioni. Se poi hai dei dubbi scrivi direttamente in quella discussione per chiedere dei chiarimenti.
Inoltre trovi un documento che ho appena allegato e che dimostra che con pochi mesi da artigiano o commerciante puoi riscattare 4 anni di laurea con un importo di 12-20K.
Se trovi complicata la parte dedicata ai metodi di simulazione con CARPE puoi leggerla rapidamente perché il risultato finale è sempre garantito (riscatto con onere molto ridotto rispetto a FPLD).
Ringraziano per il messaggio: Cometa

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/12/2020 19:09#71607 da cochise
Risposta da cochise al topic Gestione Commercianti e Quota 100
Gian, aspettiamo la risposta di Domino che ormai è l'esperto della materia, può dare certamente più valore aggiunto di me.
Se non risponde entro il nuovo sole proverò a sollecitarlo....prima della tortura aha aha aha

Grande Guerriero e Capo Apache, membro storico di PensioniOggi.it

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/12/2020 18:46#71606 da Gian58
Risposta da Gian58 al topic Gestione Commercianti e Quota 100
Salve,
sono un 62enne con 34 anni di contributi FPLD. Decidendo entro giovedì prossimo avrei la possibilità di cessare il mio rapporto di lavoro dipendente per fine anno; stavo quindi cercando di capire se l'opzione di iscrizione alla gestione ART-COM mi consentisse di riscattare i mesi necessari del corso di laurea al fine di rientrare in quota 100 nel 2021.
Ho letto con molto interesse il vostro scambio di post che è stato per me veramente illuminante.
Leggendo mi è rimasto sopratutto un dubbio: se sia sufficiente versare un solo trimestre (più per velocizzare l'iter che per risparmiare) e appena avuto accreditato far richiesta di riscatto. Mi preoccupano molto le tempistiche dell'INPS...
Spero Domino o Cochise che abbiate modo di vedere questo mio post e darmi una risposta.

Grazie mille per un vs aiuto

Gian

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2020 11:15 - 29/07/2020 11:39#69803 da Domino
Risposta da Domino al topic Gestione Commercianti e Quota 100
Ad integrazione dei miei precedenti post e sulla base della recente esperienza che ho fatto nel frattempo sul riscatto ordinario (non agevolato) della laurea nella Gestione Artigiani riporto alcune informazioni e punti di attenzione che potrebbero essere utili a chi è interessato a fare altrettanto nella Gestione Commercianti (equivalente agli Artigiani dal punto di vista operativo).
E mi riferisco in particolare a chi si trova nel sistema misto, si è laureato prima del 1996, vorrebbe evitare la penalizzazione del regime contributivo puro (imposto per il riscatto agevolato) e cerca un modo per ridurre il costo che dovrebbe pagare nella gestione lavoratori dipendenti (FPLD).

Come noto, per il 2020 le scadenze per il versamento delle 4 rate trimestrali dei contributi ART & COM dovuti sul minimale di reddito sono: 18 maggio, 20 agosto, 16 novembre e 16 febbraio 2021.

Ma se si eseguono i pagamenti a ridosso delle suddette scadenze si rischia di far allungare i tempi per ottenere dall’INPS il calcolo dell’onere del riscatto.

Infatti l’INPS può eseguire il calcolo soltanto se nel mese in cui si presenta la domanda di riscatto risultano versati i relativi contributi. Se ciò non accade la pratica viene bloccata fino a quando non vengono accreditati i contributi.

Esempio: domanda di riscatto laurea presentata a inizio maggio, quando nell’estratto conto non è ancora presente alcun contributo (perché non è stato eseguito nemmeno il versamento del primo trimestre, avendo tempo per farlo fino al 18 maggio). Ma per i motivi detti sopra la pratica non può essere accolta.
Entro il 18 maggio viene eseguito il versamento del primo trimestre e l’accredito nell’estratto conto avviene in un tempo variabile, dipendente anche dalla filiale INPS, ecc. (nella mia esperienza sono state necessarie due settimane per la prima rata e un mese per la seconda).
La pratica di riscatto resterebbe ancora bloccata perché i contributi accreditati arrivano al 31 marzo.
Se la seconda rata (per il periodo aprile-giugno) fosse pagata ad agosto (volendo sfruttare tutto il tempo a disposizione prima della scadenza) il suo accredito avverrebbe a settembre e la pratica di riscatto potrebbe essere sbloccata solo allora.
Nel mio caso ho invece deciso di versare la seconda rata a giugno (con due mesi di anticipo sulla scadenza) e a metà luglio ne ho trovato l’accredito sul mio estratto conto, così è stato possibile far accogliere la domanda di riscatto laurea.
Ho poi eseguito il versamento tramite CBILL (il MAV non è più possibile) e dopo un settimana mi sono trovato l’accredito dei periodi riscattati.

Nel periodo compreso tra l‘inoltro della domanda e la risposta con il calcolo finale ho dovuto “bombardare” la mia filiale INPS con tutti gli strumenti possibili (mail, PEC, appuntamenti telefonici tramite app, ecc.): in questo modo sono riuscito a sapere come evitare il suddetto ritardo (pagando in anticipo la rata trimestrale) ma anche a fare un controllo sugli altri adempimenti (comunicazioni tra INPS e Università, ecc.).

In conclusione, se si ha fretta la prima regola da eseguire è pagare in anticipo le rate trimestrali sul minimale di reddito, facendo però attenzione anche ad un altro punto: se si sfrutta l’agevolazione della riduzione del 35% dei contributi INPS per le P.IVA in regime forfettario, viene ridotto della stessa percentuale anche l’accredito dei contributi versati sul minimale di reddito.
Questo significa che, dopo aver pagato le prime due rate, non si troveranno accreditati 6 mesi ma soltanto 3 (0,65 x 6 = 3,9 arrotondato a 3 mesi) e quindi una pratica di riscatto presentata a maggio resterebbe bloccata.
Per sbloccarla si dovrà versare anche la terza rata sul minimale di reddito (0,65 x 9 = 5,85 arrotondato a 5, quindi copre anche maggio) oppure l’eventuale acconto sul reddito eccedente il minimale. In ogni caso i contributi versati dovranno comunque arrivare a coprire il mese in cui si presenta la domanda (se però e' stata cancellata la P.IVA e la relativa posizione INPS non è più attiva non c'é tale vincolo ma resta la necessità di aver versato tutti i contributi fino alla data di cessazione).

Alla fine di questo travagliato iter ci sono notevoli benefici per chi può scegliere se eseguire il riscatto laurea nella Gestione Artigiani & Commercianti oppure nel FPLD.
Con ART & COM si ha una sensibile riduzione dell’onere rispetto a FPLD ed è inferiore anche al costo previsto per il riscatto agevolato (che richiede circa 5.200€ / anno e ha il vincolo del regime contributivo puro).
Si ha così la possibilità di accedere a Quota 100 o ad altre forme di pensione anticipata senza sostenere costi elevati.
Ovviamente il beneficio pensionistico derivante da un riscatto laurea su ART & COM è inferiore a FPLD ma il risparmio del relativo onere compensa abbondantemente un assegno pensionistico inferiore.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

02/01/2020 22:26#66269 da mariom57
Risposta da mariom57 al topic Gestione Commercianti e Quota 100
SanderW,
grazie per il tuo commento. Confermo, il riscatto parziale della laurea e' consentito. Nel mio caso, sara' sufficiente riscattare 30 mesi, nella peggiore delle ipotesi.
Saluti

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: giorgionecochiseNicola54
© 2020 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.