Menu

Militari, Ausiliaria sino a cinque anni con i decreti che riordinano le carriere

Il Ministero della Difesa chiarisce alcuni effetti sull'indennità di ausiliaria derivanti dai decreti di riordino delle carriere. Per i militari in posizione di ausiliaria scatta il ricalcolo dell'indennità per tenere conto degli aggiornamenti stipendiali previsti con i Dlgs 94 e 95/2017.

Il riordino delle carriere del personale militare avrà effetti anche sull'indennità di ausiliaria. Il Ministero della Difesa ha pubblicato lo scorso 16 Novembre la prima circolare in cui fornisce, tra l'altro, una disamina degli effetti recati dall'entrata in vigore dei decreti che riordinano le carriere del personale militare (Dlgs 94 e 95/2017) sull'indennità di ausiliaria. Il documento ricorda, prima di tutto, che l’art. 1, comma 1, lettera h) del D.Lgs. n. 94/2017, ha generalizzato la durata dell'ausiliaria in cinque anni operando una modifica all'art. 992 del Codice dell'Ordinamento Militare (Dlgs 66/2010) che prevedeva, in alcuni casi, una durata minore, qualora l’età ordinamentale prevista per il Corpo e grado di appartenenza sia maggiore di 60 anni, che oggi costituisce il limite generalizzato di cessazione dal servizio.

Pertanto, in esito al predetto intervento il personale militare già posto in congedo alla data di entrata in vigore dei decreti di riordino delle carriere (7 luglio 2017) vedrà prolungarsi la permanenza fino al raggiungimento dei cinque anni dalla data di collocamento nella posizione di congedo. La novella avrà evidenti effetti anche sulla rideterminazione dell’indennità di ausiliaria alle scadenze di legge e/o contrattuali previste nonché sulla riliquidazione del trattamento di quiescenza all’atto del collocamento nella riserva posto che il personale potrà computare ai fini del pensionamento sino a cinque anni di maggiore anzianità contributiva.

Riliquidazione dell'indennità
In sostanza nei confronti del personale che si trovi in posizione di ausiliaria nel periodo tra il 1° gennaio 2016 ed il 1° gennaio 2018 godrà della riliquidazione dell’indennità in virtu' dell'aggiornamento di alcune voci pensionabili e, soprattutto, dei nuovi parametri stipendiali (scattati dal 1° Ottobre 2017) recati dai provvedimenti di riordino delle carriere nonchè dal rinnovo della parte economica dei contratti nel triennio 2016-2018 che ha rivisto verso l'alto gli stipendi del personale in questione. L'indennità di ausiliaria è, infatti, determinata in base ad una differenza risultante dal raffronto fra alcune voci stipendiali spettanti al pari grado in servizio di pari anzianità e la quota relativa alle stesse voci portata in pensione dall’interessato. Pertanto la variazione delle voci stipendiali connesse al grado porta con se' il ricalcolo dell'indennità alle varie scadenze di aggiornamento dei valori stipendiali del personale. Il documento ministeriale si sofferma in particolare sugli effetti introdotti dai Dlgs 94 e 95/2017. 

Misura
La Circolare rammenta, infine, che l’importo dell’indennità di ausiliaria spettante al personale militare sarà calcolato nella misura del 70% della differenza tra il trattamento di quiescenza percepito ed il trattamento economico spettante nel tempo al pari grado in servizio dello stesso ruolo e anzianità per coloro che sono stati collocati in ausiliaria antecedentemente al 1 ° gennaio 2015 ; e del 50% di detta differenza per quello collocato in congedo e transitato nella posizione dell'ausiliaria a decorrere dal 1° gennaio 2015.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre trentamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici