Menu
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Hai delle domande o vuoi discutere con altri membri del forum tematiche legate alla previdenza? In questo forum parliamo di tutto quello che riguarda le pensioni dai lavoratori esodati alla pensione anticipata. Buona navigazione!

ARGOMENTO: Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura”

Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura” 07/12/2019 13:49 #65577

  • Domino
  • Avatar di Domino
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 84
  • Ringraziamenti ricevuti 18
  • Karma: 1
Sì, certo, se si inseriscono manualmente i dati su inflazione e capitalizzazione per i prossim anni allora la decorrenza in CARPE potrà essere 2021, 2022, ecc.
Quando ho scritto che CARPE si blocca al 2020 mi riferivo al suo utilizzo senza le suddette modifiche manuali.
Buona simulazione...
Per scrivere o rispondere e' necessario registrarsi al sito.

Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura” 07/12/2019 13:37 #65576

  • Paolo100
  • Avatar di Paolo100
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 22
  • Ringraziamenti ricevuti 4
  • Karma: 1
Grazie delle ulteriori informazioni. Relativamente al fatto di aggiungere il 2021 (volendo anche 2022 o successivi) me l'ha fatto fare, ho semplicemente seguito le tue indicazioni del post precedente al mio, rimane anche memorizzato nei successivi accessi.
Per scrivere o rispondere e' necessario registrarsi al sito.

Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura” 07/12/2019 13:21 #65575

  • Domino
  • Avatar di Domino
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 84
  • Ringraziamenti ricevuti 18
  • Karma: 1
Paolo100, provo a darti qualche informazione sulla base della mia limitata esperienza su CARPE (quindi potrei scrivere inesattezze).

Per quanto mi risulta, CARPE non consente di definire, nel tab Anagr, un anno successivo a quello che indica lui. In pratica, ora che siamo a dicembre, lui indica come decorrenza 01/2020 e tu puoi avanzare con i mesi (fino a dicembre) ma non inserire il 2021.
Inoltre CARPE non ha ancora aggiornato i dati per il 2020 (né potrebbe farlo visto che siamo ancora nel 2019). Se scarichi l’ultima versione, 7.02.78, puoi osservare nei vari tab di Arc.Dati (Max Min Gestioni, Tetti, ecc.) che sono stati inseriti in via preliminare i dati del 2020 ugual a quelli del 2019 (non è una stima, ma solo un modo per iniziare a predisporre il programma per il 2020).
Quindi anche se in teoria, come detto, puoi fare simulazioni fino a dicembre 2020, vari coefficienti dovranno essere aggiornati.
Analizzando la cronologia delle passate versioni mi sembra che la versione consolidata si potrà avere solo a febbraio-marzo.

Se provi a “fregare” CARPE modificando la data del tuo PC (inserendo una data del 2021), inizialmente CARPE “abbocca” presentandoti una decorrenza del 2021 ma poi hai un messaggio di errore, appunto perché gli mancano i parametri per il 2021.

Ma se smetti di lavorare oggi e non avrai altri contributi fino a luglio 2021 (quando chiederai quota 100) l’impatto dovuto a inflazione e capitalizzazione è modesto, mentre dovrebbe essere più significativo l’incremento (in due anni) del coefficiente di trasformazione del montante contributivo.

L’aggiunta degli anni di cui io ho discusso in qualche altra discussione da me aperta è relativa alla simulazione del riscatto di laurea (e non al semplice trascorrere del tempo a contributi invariati): in tal caso CARPE può risultare utile perché fornisce il beneficio pensionistico (necessario anche per stimare l’onere del riscatto) e non ha problemi a darti stime (quasi) attendibili perché vengono aggiunti gli anni del passato (che hanno già tutti i parametri associati) e non del futuro.

Se ho scritto sciocchezze, Cochise (che mi ha iniziato ai “piaceri” del CARPE) e tanti altri veri esperti potranno darti indicazioni più corrette.

Aggiungo che anche io potrei maturare i requisiti per quota 100 a luglio 2021 (quando compirò 62 anni, sempre che venga finanziata fino alla sua scadenza), ma mi mancano quasi 4 anni di contributi, da conseguire con il riscatto della laurea per 4 anni, oppure per 3 anni + 1 anno eventuale di Artigiano nel 2020, al limite anche restando "inoperoso", aprendo cioé solo la P.IVA e versando i contributi da autonomo, che sarebbero molto meno onerosi rispetto al costo di un anno di riscatto laurea, ma di queste operazioni "acrobatiche" ne parlo diffusamente altrove.
Per chi è interessato al mio lungo carteggio con Cochise:
www.pensionioggi.it/forum/pensioni/9575-...ipendente-a-autonomo
Per scrivere o rispondere e' necessario registrarsi al sito.

Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura” 07/12/2019 09:38 #65572

  • Paolo100
  • Avatar di Paolo100
  • OFFLINE
  • Junior Boarder
  • Messaggi: 22
  • Ringraziamenti ricevuti 4
  • Karma: 1
Buongiorno Domino,
post molto interessante perché arricchisce le conoscenze su Carpe PC per il quale non è che ci siano molte informazioni in giro.

Con la notizia della possibilità di poter aggiungere gli anni, forse posso finalmente fare un calcolo che mi interessa. Ossia, maturando i requisiti per quota 100 a luglio 2021, se aggiungo in Carpe PC l'anno 2021, inserisco nel tab Anagr. come Decorrenza Pensione 07/2021 (lasciando tutti zeri nel campo Decorrenza Ultimo Calcolo) e a questo punto vado sul tab P. Mista, li dovrei trovare calcolato l'importo mensile lordo (x 13 mensilità) che riceverei (stimato) a luglio 2021 se smettessi di lavorare oggi utilizzando i valori attuali dell'estratto conto contributivo inps per i calcoli.

Domanda un pò articolata ma spero di essere stato chiaro, mi servirebbe solo capire se il concetto è giusto.
Grazie.
Per scrivere o rispondere e' necessario registrarsi al sito.

Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura” 08/06/2019 14:27 #63141

  • Domino
  • Avatar di Domino
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 84
  • Ringraziamenti ricevuti 18
  • Karma: 1
Con riferimento a quanto avevo scritto nel mio precedente post di due mesi fa, posso fornire un aggiornamento a beneficio di coloro che intendono usare CARPE-PC per fare previsioni sull’importo della pensione di vecchiaia: se mancano molti anni (come nel mio caso) alla pensione di vecchiaia CARPE-PC non serve a nulla.
Nei giorni scorsi ho avuto infatti modo di approfondire questo aspetto presso la ma siede INPS.
Mi è stato confermato che nel programma UNICARPE e nella “mia pensione futura” sono già “cablati” i coefficienti di rivalutazione e i tassi di capitalizzazione per gli anni futuri (ovviamente parliamo di stime), mentre ciò non accade in CARPE-PC.
Inoltre, visto che la data di decorrenza della pensione in UNICARPE e “la mia pensione futura” è quella della pensione di vecchiaia mentre in CARPE-PC è quella attuale, ciò comporta un diverso coefficiente di trasformazione del montante contributivo.
E’ vero che in CARPE PC si può modificare la data di decorrenza della pensione (nel pannello Anagr.) e s possono aggiungere i dati sull’inflazione e il tasso di capitalizzazione (nel pannelo Add anno, sottomenù Arc.dati) ma se tali integrazioni (o meglio previsioni) si devono fare per molti anni futuri il risultato finale perde di significato.
Infine, sempre presso la mia sede INPS, mi è stato mostrato che il valore della pensione simulata calcolata con UNICARPE coincide con quello che posso ottenere con “la mia pensione futura”.
E’ già qualcosa visto che in passato “la mia pensione futura” mi dava risultati del tutto inattendibili.
Per scrivere o rispondere e' necessario registrarsi al sito.

Calcolo pensione con gli strumenti INPS: il programma CARPE e “la mia pensione futura” 17/04/2019 12:43 #61824

  • Domino
  • Avatar di Domino
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Messaggi: 84
  • Ringraziamenti ricevuti 18
  • Karma: 1
Salve a tutti,
a proposito degli strumenti che l’INPS mette a disposizione per la simulazione della pensione, la mia esperienza con il servizio “la mia pensione futura” è stata molto negative a causa della inaffidabilità dei suoi risultati (in passato mi avevano confermato che in presenza di un periodo INPDAI i dati erano inesatti).
Di recente ho scaricato su PC il programma CARPE con l’obiettivo di usarlo in modo limitato, per avere solo una stima dell’onere per il riscatto della laurea. Poi ho cercato di capire quanto potesse fornirmi proiezioni attendibili sull’importo della pensione, anche se su questo forum ho trovato giudizi negativi.

Avendo avuto solo risposte parziali dall’INPS alle mie richieste di chiarimenti provo a porre qui alcune domande.

1)
Nel manuale di CARPE (relativo alla versione 5.05.00 mentre la versione che si scarica è la 7.02.66…), riguardo alla simulazione del calcolo negli anni futuri, è scritto:
Il programma effettua il calcolo dell’importo della pensione con decorrenza nell’anno in corso. Può essere abilitato per effettuare calcoli in proiezione, inserendo i coefficienti di rivalutazione e il tasso di capitalizzazione presuntivi per gli anni futuri. Attualmente questa possibilità è stata rilasciata ad Enti ed Associazioni che hanno inoltrato specifica richiesta alla Direzione Centrale Prestazioni. Infatti tali Organismi si assumono la responsabilità dei risultati di calcolo forniti in proiezione, sulla base dei coefficienti previsionali da loro stessi elaborati.

Quindi per i comuni mortali che non conoscono coefficienti e tassi per gli anni futuri non c’è alcuna possibilità di usare CARPE, per conto proprio, al fine di fare una simulazione con decorrenza futura ?
O forse sono io che non ho capito che CARPE non è per comuni mortali (e tantomeno per enti o soggetti che preferiscono usare altri strumenti) ?
Credo che inserire, senza alcun criterio (nel menù Add anno, ecc.), valori a caso per inflazione e tasso di capitalizzazione per gli anni futuri non porti a risultati validi.

2)
Visto che “la mia pensione futura” fornisce invece l’importo della pensione con decorrenza dalla pensione di vecchiaia, ciò significa che l’INPS ha “cablato” in questo suo servizio i suddetti coefficienti e tassi ? Ma forse solo chi ha creato questo tool può rispondere …

3)
Nel menù di utilità di CARPE c’è la funzione “Contrib. Figurativa” ma non ho capito se, avendo la NASPI, è necessario inserire dei dati nel pannello “Calcolo Accredito Figurativo” (nel mio caso è vuoto).
In un’altra discussione Cochise aveva scritto: “La neutralizzazione Naspi riguarda le quote retributive ed il bambino scemo carpe non è stato ancora modificato…”.
Quindi si deve operare manualmente in CARPE per eseguire la neutralizzazione ?

4)
La mia storia contributiva è abbastanza lineare: a 60 anni ho 31 anni di contributi come lavoratore dipendente (con un periodo INPDAI) e 3 anni di contributi figurativi (1 per servizio militare e 2 di NASPI , di cui 3 mesi ancora da erogare).

Utilizzando la “la mia pensione futura”, con sospensione al 31/03/2019 (contabilizzando quindi 21 mesi di NASPI e escludendo i 3 che mancano) e con decorrenza della pensione di vecchiaia al 01/05/2027 (67 anni e 9 mesi) questi sono i risultati:

Importo mensile lordo: € 5.727,00 di cui:
Quota A (399 settimane): € 950,00
Quota B (156 settimane): € 446,00
DI contributivo (854 settimane): € 3.280,00
FPLD contributivo (355 settimane): € 1.051,00

Utilizzando CARPE, con data di decorrenza 05/2019, ottengo:

Pensione mensile: € 4.654,17 di cui
Quota A: € 950,02
Quota A: € 423,49
Quota contributiva: € 3.279,76 = 2.177,92 (1996-2011) + 687,17 (dal 2012) + 414,67 (INPDAI)

Dopo aver richiesto supporto alla mia sede INPS, sono stato contattato telefonicamente e mi hanno detto che, usando la procedura UNICARPE (roba ufficiale, non come quel giocattolo di CARPE su PC….) anche a loro risulta una pensione di € 5.700, confermando quindi il valore della simulazione che avevo fatto con “la mia pensione futura” e hanno aggiunto che, per queste proiezioni, UNICARPE usa una capitalizzazione del 5% (e un’inflazione programmata che non hanno saputo dirmi).
Dal confronto tra i miei due calcoli si vede che gli importi delle quote retributive sono quasi uguali nei due tool mentre divergono per le quote contributive.
Il motivo di questa divergenza può essere legato alla differenza nella data di decorrenza presa come riferimento (ci sono 8 anni di anticipo con CARPE rispetto a “la mia pensione futura”) che a sua volta comporta un diverso coefficiente di trasformazione del montante contributivo (che in 8 anni può essere molto diverso) ?

Qualunque chiarimento sui punti che ho elencato è ovviamente gradito.
Anche se forse la risposta potrebbe essere: “perché perdi tempo con CARPE, fai questi calcoli quando ti mancano tanti anni alla pensione e comunque non vai da un patronato (competente) ?
Certo che andrò da un patronato, tra un paio d’anni, poco prima di riscattare 4 anni di laurea a patto che quota 100 ci sia ancora…
Per scrivere o rispondere e' necessario registrarsi al sito.
Moderatori: giorgione, cochise, Nicola54

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici