Menu

Bonus Assunzioni, Sgravio prorogato nel 2016 con tetto a 3.250 euro

Da Gennaio lo sconto contributivo si riduce del 40%, con tetto di 3.250 euro all'anno per un biennio.

Via libera alla proroga della decontribuzione per i lavoratori assunti a tempo indeterminato. La legge di stabilità conferma per il prossimo anno la proroga dello sgravio contributivo, anche se con un format diverso rispetto alla misura in vigore sino al 2015, per i datori che stabilizzeranno i rapporti a tempo indeterminato. Il bonus si riduce rispetto alla versione attualmente in vigore che, com'è noto, ha un tetto di 8.060 euro l'anno (cioè uno sgravio sino a 671,66 € al mese), per una durata triennale. 

Dal 2016 per ogni nuovo contratto a tempo indeterminato stipulato nell'arco del prossimo anno, i datori di lavoro saranno esentati dal versamento del 40% dei contributi previdenziali (con esclusione di quelli dovuti all'Inail) nel limite massimo di un importo di esonero pari a 3.250 euro all'anno (pari a 270,83€ al mese) e per un periodo massimo di due anni.

Restano immutate le altre caratteristiche del bonus. In particolare lo sgravio contributivo non si applicherà, tra l'altro, ai contratti di apprendistato e di lavoro domestico, né all'assunzione di lavoratori occupati nei sei mesi precedenti o che abbiano già usufruito del beneficio e ai lavoratori con i quali i datori di lavoro (considerando anche le società controllate o collegate ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto) abbiano comunque già in essere un contratto a tempo indeterminato nei tre mesi precedenti. 

L'esonero resterà, al pari di quello vigente, non cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote contributive previste dalla legislazione vigente. In sostanza l'agevolazione non sarà cumulabile con l’incentivo per l’assunzione di lavoratori con più di 50 anni di età disoccupati da oltre dodici mesi e di donne prive di impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi ovvero prive di impiego da almeno sei mesi e appartenenti a particolari aree (art. 4, commi 8 e seguenti, della legge n. 92/2012) e, ovviamente, al bonus apprendisti. L'esonero contributivo resterà invece cumulabile con le agevolazioni di natura economica come gli incentivi per l'assunzione dei lavoratori disabili e dei giovani genitori; quella per chi assume persone che fruiscono della Naspi o dell'indennità di mobilità; quella prevista per il programma Garanzia giovani.

Si ricorda, infine, che la legge di stabilità prevede la possibilità di un'estensione al 2017 dell'esonero per le assunzioni a tempo indeterminato in favore dei datori di lavoro privati, operanti in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna con un'eventuale maggiorazione dei benefici per l'assunzione di donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da al meno sei mesi, ma solo se verranno reperiti i fondi necessari.

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici