Menu

Covid-19, Il versamento del TFR resta a carico dell'azienda

Le indicazioni in un documento dell'Inps in merito agli aspetti contributivi cui sono tenute le aziende che hanno ricevuto autorizzazione alle integrazioni salariali previste dal DL 18/2020.

Resta a carico dell'azienda il tfr dei lavoratori per i periodi di cassa integrazione, ordinaria e in deroga relative all'emergenza epidemiologica da Covid-19. Ma in nessun caso i datori di lavoro dovranno versare il contributo addizionale. Lo rende noto, in particolare, l'Inps nel messaggio numero 1775/2020 pubblicato l'altro giorno dall'ente di previdenza fornisce alcuni dettagli in merito agli aspetti contributivi a cui sono tenute le aziende per l'accesso agli specifici strumenti di integrazione salariale con causale "COVID-19" (Cigo, Cigd e assegni ordinari di Fis e fondi solidarietà bilaterali).

In primo luogo, l'Inps ricorda che per nessun trattamento di integrazione salariale (neanche per la Cassa in deroga) è dovuto il contributo addizionale. Inoltre se le prestazioni sono anticipate dal datore di lavoro la richiesta di conguaglio o di rimborso deve essere effettuata all'ente previdenziale secondo il termine ordinario, cioè entro sei mesi dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del termine di durata della concessione o dalla data del provvedimento di concessione se successivo (ex art. 7, co. 3, Dlgs n. 148/2015).

Relativamente all'accesso alla Cigo con causale Covid-19 da parte del datore di lavoro con in corso un periodo di Cigs il documento informa che, con decreto, il ministero del lavoro sospende gli effetti della Cigs precedentemente autorizzata e individua una nuova data di scadenza del termine di durata della prestazione, collocata alla fine del periodo di Cigo per Covid-19. In tal caso, il termine di decadenza per il conguaglio della Cigs autorizzata, di cui al predetto decreto, decorre dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del termine di durata della stessa Cigs. Tali periodi, precisa l'Inps, non rilevano ai fini della determinazione della misura dell'aliquota del contributo addizionale eventualmente dovuti dai datori di lavoro per successivi periodi d'integrazione salariale o per i residui periodi di Cigs.

L'Inps ribadisce, infine, che durante i periodi di integrazione salariale ordinaria o in deroga ovvero di assegno ordinario, le quote di TFR maturate restano a carico dei datori di lavoro. Pertanto i datori di lavoro soggetti alla disciplina del Fondo di Tesoreria (quelli che hanno più di 50 addetti), dovranno continuare a versare le quote di TFR al predetto Fondo e applicheranno le consuete regole per il conguaglio delle prestazioni erogate ai lavoratori.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici