Decreto Lavoro 2013, resta l'aumento degli acconti Irpef e Irap

Giovedì, 08 Agosto 2013
A settembre si dovrà lavorare per ridurre il cuneo fiscale, chiudere la partita esodati, e rifinanziare la cassa in deroga. Confermato l'aumento della tassazione sulle sigarette elettroniche

Per le imprese che entro il 30 giugno 2015 assumono a tempo indeterminato giovani tra i 18 e i 29 anni arriva un nuovo incentivo. Uno sgravio contributivo per 18 mesi (o 12 mesi, in caso di trasformazione di un rapporto a tempo) con un tetto mensile di 650 euro. Se invece si decide, senza esservi tenuti, di stabilizzare un disoccupato, fruitore dell'Aspi, l'azienda riceverà in dote un contributo pari al 50% dell'indennità mensile residua (che sarebbe stata comunque corrisposta al lavoratore). Non solo. Via libera anche allo sblocco di altri 20-25 miliardi di debiti della Pa.

Con queste misure la Camera ha convertito, con 265 voti favorevoli e 118 contrari, in legge il decreto Giovannini sull'occupazione, che contiene anche il rinvio a ottobre dell'aumento dell'Iva (dal 21% al 22%). Le misure piu' significative del decreto lavoro sono quindi gli incentivi per le assunzioni di giovani tra i 18 e i 29 anni. Per godere del beneficio l'assunzione dovrà comportare un incremento occupazionale netto; e scatterà per giovani privi di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi o privi di un diploma di scuola media superiore o professionale. Nel corso dell'esame in Senato è stata soppressa la condizione che i soggetti vivessero soli con una o più persone a carico. Gli incentivi saranno attribuiti, su domanda, da parte dell'Inps, in base all'ordine cronologico relativo alla data di assunzione più risalente. Nel caso del raggiungimento del limite di risorse (riferito a ogni singola regione) non saranno prese in considerazione ulteriori domande (della regione interessata).

Durante l'iter di conversione nulla è cambiato sulle contestate coperture indicate dal Governo per sterilizzare fino al 1° ottobre l'aumento di un punto dell'aliquota ordinaria Iva. Resta il prestito forzoso per gli acconti di novembre che saranno maggiorati al 100% per Irpef e Irap di professionisti e ditte individuali, al 101% per l'Ires e l'Irap delle società, nonché al 110% per le ritenute delle banche su depositi e conti correnti. Confermata la stangata (imposta di consumo del 58,5%) sulle sigarette elettroniche, in grado secondo l'Anafe di affossare il settore mettendo a rischio 5mila posti di lavoro.

© 2021 Digit Italia Srl - Partita IVA/C.f. 12640411000. All Rights Reserved.