Menu

Durc, validità prorogata sino al 15 giugno 2020

Lo rendono noto l'Inps e l'Inail ad illustrazione delle modifiche apportate dal DL Rilancio. La proroga riguarda i Durc con scadenza validità compresa tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020.

I Durc con scadenza ricompresa tra il 31 gennaio ed il 15 Aprile 2020 restano validi sino al 15 Giugno 2020. Nei confronti di tali atti, infatti, a seguito dell'entrata in vigore del DL Rilancio (DL 34/2020) non opera l'estensione prevista dalla conversione in legge del decreto legge "Cura Italia" (Dl 18/2020). Pertanto alle richieste di verifica di regolarità contributiva presentate dal 16 aprile si applica la disciplina ordinaria, tra cui la norma che esclude dalla verifica di regolarità tutti gli adempimenti e pagamenti oggetto di una sospensione dei termini. Lo rendono noto Inps e Inail, in due note (messaggio numero 2103/2020 e nota 20/5/2020) che illustrano l'articolo 81 del Decreto Rilancio.

La questione

Originariamente l'articolo 103 del DL 18/2020 (Decreto Legge "Cura Italia") ha prorogato la validità al 15 giugno 2020 degli atti, permessi e certificati con scadenza compresa tra il 31 gennaio e 15 aprile. Tra questi documenti rientra anche il documento unico di regolarità contributiva, Durc. Pertanto le aziende in possesso di Durc con scadenza nel predetto periodo, sono automaticamente ritenute in regola fino al 15 giugno (in via ordinaria, invece, il Durc ha validità 120 giorni dalla richiesta). Successivamente, la legge n. 27/2020 (conversione del dl n. 18/2020) ha sostituito la norma prevedendo che «Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, compresi i termini di inizio e di ultimazione dei lavori di cui all'articolo 15 del testo unico di cui al decreto del presidente della repubblica 6 giugno 2001, n. 380, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. (...)».

Infine è arrivato il decreto Rilancio n. 34/2020 che nuovamente ha modificato la norma, precisando che dalla proroga sono esclusi i documenti unici di regolarità contributiva in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020, che conservano validità sino al 15 giugno 2020. L’intervento normativo ha pertanto chiarito che i DURC restano esclusi dagli atti per i quali è stato disposto, in sede di conversione dalla legge n. 27/2020, l’ampliamento del periodo di scadenza e di quello riferito alla conservazione della validità dei medesimi (90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dell'emergenza).

Disciplina ordinaria

In definitiva vengono confermate le istruzioni già fornite a marzo (cfr: messaggio inps 1374/2020) con la conseguenza che a partire dalle richieste di verifica di regolarità contributiva presentate dal 16 aprile si applicheranno gli ordinari criteri (dm 30 gennaio 2015 e dm 23 febbraio 2016). Nella gestione di tali richieste, gli enti assicuratori ricordano che per effetto delle sospensioni degli adempimenti e dei versamenti previdenziali stabilite dalle disposizioni emergenziali vigenti, le sospensioni in parola non possono essere considerati ai fini della verifica della regolarità contributiva, in quanto la regolarità sussiste comunque in caso di sospensione dei pagamenti in forza di disposizioni legislative.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro. Partecipa alle conversazioni. Siamo oltre cinquantamila

Documenti: Messaggio inps 2103/2020

 

Torna in alto

Pensioni Oggi

Sezioni

Speciali

Strumenti

Seguici